Home » AutoMiglioramento

Una storia (vera) di vittoria sul cancro. L’intervista a Shelbee. Forte, allegra e positiva, incoraggia tutti…

Inserito da

 

Introduzione e intervista a cura di Rebecca Domino. Shelbee e’ una diciannovenne inglese in remissione da qualche mese dopo la lotta contro il sarcoma di Ewing, un raro tumore delle ossa che colpisce principalmente adolescenti e giovani. Shelbee è stata diagnosticata nel febbraio 2013, dopo sei mesi passati con dolori inspiegabili: ogni due settimane si recava dalla dottoressa e questa le diceva che non si trattava di niente di grave. Shelbee accusava dolore a una gamba (spiegato dalla dottoressa come disturbi all’anca), aveva un gonfiore sulla schiena (spiegato come spasmo muscolare), ha perso molto peso senza nessuna ragione apparente (la dottoressa le ha detto che il problema era nella sua mente e l’ha mandata da uno psicologo) e soffriva di gravi insonnie (spiegato con “sei un’adolescente”). In quest’intervista Shelbee ci racconta parte della sua storia e ci parla dei cinque sintomi che devono far scattare l’allarme per il cancro negli adolescenti e nei giovani, sintomi che – se avesse saputo quando li accusava, o se la sua dottoressa li avesse saputi – l’avrebbero portata ad avere la diagnosi corretta molto prima. Pochi mesi prima di ricevere la diagnosi, Shelbee aveva ottenuto una borsa di studio per giocare a calcio in America (cui ha dovuto rinunciare a causa del cancro), faceva parte della polizia e presto avrebbe cominciato l’Università per diventare insegnante di educazione fisica. Il suo film preferito è “Cattivissimo me”, la sua cantante preferita è Lucy Spraggan ed è una grande fan del cibo di Nando’s. A settembre comincerà l’Università. Shelbee è stata curata in uno dei reparti di Teenage Cancer Trust (ente benefico inglese che dal 1990 si occupa in toto degli adolescenti con il cancro). La forza di quest’ente e’ quella di creare occasioni di unione e confronto fra

adolescenti con il cancro, sia nei reparti sia all’esterno (per esempio in occasione di eventi come “Find your sense of tumour”). Oltre a occuparsi anche dei famigliari e degli amici dei pazienti, Teenage Cancer Trust forma infermiere specializzate negli adolescenti, s’impegna nella ricerca, fornisce incontri gratuiti nelle scuole e organizza numerosi eventi, molti dei quali su larga scala e con il supporto di personaggi famosi. Nei ventisette reparti sparsi per tutto il Regno Unito (con altri sette in progettazione) gli adolescenti e i giovani adulti vengono aiutati a sentirsi quello che sono: giovani, e vivi. Ciao Shelbee, prima di tutto grazie mille per avermi concesso quest’intervista. Ammetto che sono rimasta stupita dal modo in cui hai reagito alla tua diagnosi. Nonostante il cancro, sei rimasta ottimista per tutta la durata del trattamento. Come hai fatto? Rimanere positiva mi è venuto naturale perché ho sempre pensato che se l’avessi presa male ciò non avrebbe spinto il mio tumore a dispiacersi per me e a smettere di crescere. Scherzare riguardo a ciò che accadeva mi permetteva di sentirmi meglio riguardo alla situazione in generale e aveva lo stesso effetto anche sulle persone che mi stavano intorno! Tutti sanno che la caduta dei capelli è, solitamente, uno dei principali effetti collaterali della chemioterapia. Le persone ti conoscono per i cappelli che portavi al posto di una parrucca, e ho visto un tuo video su Youtube dove canti una parodia di “I whip my hair back and forth” (muovo i capelli avanti e indietro) per aiutare le altre persone che hanno perso i capelli in seguito alla chemio a sorridere e a sentirsi meglio. Che consigli vuoi dare alle persone con il cancro per rimanere se stesse nonostante i cambiamenti d’immagine che devono affrontare? E come possono venire a patti con la caduta dei capelli? Io sono venuta a patti con la caduta dei capelli molto bene perché non ho mai dato molta importanza al mio aspetto fisico. Sono sempre stata una ragazza sportiva e ho sempre preferito sporcarmi di fango e divertirmi piuttosto che truccarmi o acconciarmi i capelli! Ho conosciuto un sacco di persone che hanno perso un po’ di sicurezza a causa della caduta dei capelli e mi è stato detto che le ho aiutate molto con la mia positività ma queste persone hanno bisogno di essere circondate da altri nella loro stessa situazione perché così sanno che cosa si prova! E se sei il primo a fare delle battute al riguardo e a ridere di te stesso allora gli altri non rideranno di te, ma con te! Ho letto che hai raccolto fondi per Teenage Cancer Trust ed è meraviglioso! Che cosa ti ha spinta a farlo e hai qualche consiglio o idea di raccolta fondi da condividere con i lettori? Voglio raccogliere quanto più possibile per permettere ai futuri pazienti di essere accolti e curati come sono stata accolta e curata io! Dico sempre che potrei fare la cosa più grande del mondo e non si avvicinerebbe neanche a quello che Teenage Cancer Trust ha fatto per me! Sei stata nominata per il premio “Young People of The Year” (giovane dell’anno; premio per mettere in risalto e premiare le storie di giovani, sconosciuti eroi), che cosa puoi dirci di quell’esperienza? Perché premi come questo sono importanti per la comunità e per un Paese in generale? Essere nominata per “Young People of The Year” è stato un grande onore per qualcosa che io sentivo di dover fare per cercare di ripagare quello che ho ricevuto! “Young People of The Year” è importante perché i media considerano i giovani come dei teppisti, ma il premio evidenzia che non tutti siamo così!Puoi dirci qualcosa in più sul meraviglioso lavoro di Teenage Cancer Trust? Com’e’ stata la tua esperienza con loro e perché quest’ente benefico è così importante nelle vite dei giovani con il cancro? Teenage Cancer Trust è così importante nelle vite dei giovani con il cancro perché offre infermiere specializzate e reparti specializzati e li fa sentire come se non fossero in ospedale; inoltre i giovani con il cancro sono circondati da persone vicine alla loro età con cui possono parlare e fare amicizia! Senza Teenage Cancer Trust non sarei felice come sono ora e come lo sono stata durante il trattamento! Il reparto diventa un posto sicuro in cui andare, come una casa lontano da casa! Pensi che gli adolescenti ne sappiano abbastanza sul cancro nei giovani? E pensi che sarebbe utile inserire qualcosa come “l’ora d’informazione sul cancro” nelle scuole? Ci sono cinque sintomi del cancro da tenere sotto controllo, anche averne soltanto uno è un allarme e di solito neanche i medici di famiglia ne sono a conoscenza, e questa mancata conoscenza è la causa principale delle diagnosi errate! I cinque sintomi sono: – gonfiore e sudore persistente – forte perdita di peso – stanchezza estrema – cambiamenti dei nei – dolore inspiegabile e persistente. Questi sintomi valgono come allarme per tutti i tipi di cancro. L’informazione riguardo al cancro dovrebbe essere inserita in tutte le scuole con studenti dai 13 ai 24 anni, potrebbe salvare delle vite! Se avete anche solo uno dei sintomi di cui sopra, continuate a sottoporvi a degli esami finché non riceverete la diagnosi di cosa avete che non va!Grazie per aver raccontato e condiviso la mia storia! Spero che possa aiutare altri giovani!Grazie a te per il tempo che mi hai concesso e per la bella intervista!  —–  L’intervista a Shelbee…   ~ Rebecca Domino ~