Home » Eventi e spettacoli, Promozione Pro-Territory

Un’Italia più bella per la tintarella. Il 23, 24 e 25 maggio si fa Spiagge e fondali puliti

Inserito da

Riscopriamo il piacere di occuparci dei nostri territori: il 23, il 24 e il 25 maggio unisciti alle nostre iniziative lungo la Penisola per liberare le spiagge e i fondali dai rifiuti”. Come ogni anno, alla vigilia dell’estate Legambiente rinnova l’appello a tutti gli amanti del mare, ai tanti volontari già impegnati da tempo e a quelli nuovi che decidono ora di mettersi in gioco partecipando a Spiagge e fondali puliti. Il prossimo fine settimana, l’ultimo di maggio, saranno numerosi gli appuntamenti per procedere a una grande pulizia “corale” dei litorali da ogni tipo di rifiuto abbandonato, grande e piccolo. Un gesto di valore civile da condividere con la famiglia, gli amici, la propria classe o i colleghi di lavoro, per restituire alle spiagge tutta la loro godibilità ma soprattutto per riscoprire il senso di appartenenza alla bellezza del nostro Paese. “Il mare e le spiagge non sono terra di nessuno, ci appartengono – dice Rossella Muroni, direttrice generale di Legambiente – Rappresentano un patrimonio nazionale di inestimabile valore che il resto del mondo ci invidia. Facciamo la nostra parte per proteggere questa immensa ricchezza dalle insidie dell’inquinamento e dell’illegalità”.La tre giorni di Spiagge e fondali puliti – organizzata da

Legambiente in collaborazione con Cial, Mareblu, Virosac e la Campagna di promozione del sughero – sarà, infatti, l’occasione per denunciare gli abusi consumati ai danni del mare, rivendicare il diritto di libero accesso alle spiagge per tutti, promuovere il turismo sostenibile e stili di vita compatibili con la salute dell’ambiente. Ma c’è anche una novità. I volontari di Legambiente, quest’anno, saranno protagonisti di un’indagine sulla tipologia e quantità dei rifiuti rinvenuti, con l’applicazione del protocollo sulla beach litter messo a punto dal ministero dell’Ambiente e dall’Ispra, in modo da poter stimare i principali rifiuti spiaggiati sulle nostre coste e passare a progetti concreti per una loro progressiva riduzione. Una proposta che Legambiente ha rivolto al dicastero in considerazione della scarsa partecipazione dimostrata finora da parte di enti e amministrazioni all’applicazione della direttiva europea sulla Marine strategy, che chiede ai paesi membri uno sforzo per stimare le diverse problematiche a cui sono soggetti il mare e le coste, rifiuti compresi.“La risposta è arrivata a singhiozzo – prosegue Rossella Muroni – per questo abbiamo voluto dare il nostro contributo, costruendo collettivamente una vera e propria stima dei rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. L’obiettivo è quello di ridestare l’attenzione delle autorità sul problema, affinché si possa finalmente agire sulle cause, a partire dalla questione della riduzione delle plastiche”.Anche quest’anno Virosac, azienda specializzata in soluzioni eco-compatibili come la lavorazione del Mater-Bi, l’utilizzo di materiali in gran parte riciclati e la riduzione di imballaggi collabora a Spiagge e fondali puliti. “Lo sviluppo sostenibile – dichiara Roberta

Virago, responsabile marketing di Virosac – passa attraverso l’informazione e l’educazione della gente, Virosac è orgogliosa di sostenere Legambiente nelle sue campagne di sensibilizzazione sui temi ambientali. In occasione di Spiagge e Fondali Puliti si utilizzeranno migliaia di sacchetti in plastica rigenerata che abbiamo appositamente realizzato per raccogliere i rifiuti e rendere  più belle ed accoglienti le nostre riviere, un esempio di amore e cura del territorio”.Spiagge e fondali puliti rientra nella più vasta campagna Clean Up the Med, che si svolge in contemporanea, o quasi, in diversi paesi che affacciano sul Mediterraneo. Quest’anno, tra gli appuntamenti previsti, ci sono le località di Konyaalti Beach e la spiaggia di Antalya in Turchia, quelle di Larnaca-Limassol-Paphos a Nicosia a Cipro, la spiaggi di Pecine-Sablicevo a Rijeka e quella di Ribnica a Obrovac in Croazia, la spiaggia di Vescovato a Bastia in Corsica e quella di La Crouste a Canet en Roussillon sempre in Francia, in Spagna sulla spiaggia Moncofa a Castellòn e di Canyadell a Tarragona, in Grecia a Myrthios all’Hapimag Damnoni e a Ios a Mylopotamos, in Tunisia a Soliman e Nabeul rispettivamente sulle spiagge Soliman e de Maamoura, in Marocco a Rabat e sulla spiaggia Quimado di Al-Hoceima.In Italia, gli appuntamenti di Spiagge e fondali puliti sono numerosi e moltissime le iniziative programmate anche nel weekend successivo. Tutti gli appuntamenti su LEGAMBIENTE.  —–  Un’Italia più bella per la tintarella. Il 23, 24 e 25 maggio…  —  http://goodnews.ws/

Promuovi la tua attività Green con Good News, per un mondo più verde! Clicca qui: ECO partners

Sostieni l’unico e-magazine dedicato alle buone notizie, con una tua donazione ≈ un € x un sorriso
Redazione & Pubblicità Tel. 380 2664166 Scrivi a: goodnews@goodnews.ws

Futuro Verde: la Casa Ecologica con Bioedilizia e Energie Alternative

Come depurare l’acqua del rubinetto risparmiando soldi e guadagnando salute