Vivisezione, entro il 4 marzo il decreto legislativo che potrà dare una svolta alla ricerca, firmate in massa…

…l’appello decisivo al nuovo governo: già raccolte 30.000 adesioni. Entro il 4 marzo 2014 il Governo dovrà emanare il Decreto Legislativo che cambierà formalmente la normativa del nostro Paese sulla vivisezione, l’utilizzo di quasi 900mila animali l’anno in più di 600 laboratori pubblici e privati. Per questo la Federazione Italiana Associazioni Diritti Animali e Ambiente con Enpa, LAV, Leidaa, Lega nazionale Difesa del Cane, Oipa, chiedono ai cittadini di firmare in massa e al più presto, l’appello decisivo al Governo (pubblicato su www.lav.it) affinché rispetti i principi stabiliti, per legge, nell’art.13 della Legge di delegazione europea 96/2013 che prevede – fra l’altro – il divieto di allevamenti come Green Hill, lo stop agli esperimenti su animali senza anestesia, incentivi concreti ai metodi sostitutivi. Chiediamo di rispettare l’articolo 13 della Legge di delegazione europea: il nuovo appello è rivolto al Ministro della Salute Beatrice Lorenzin e al nuovo Presidente del Consiglio Matteo Renzi: rispettate la legge! E a sostegno di questo appello le Associazioni annunciano un nuovo presidio lunedì 3 e martedì 4 marzo, negli ultimi due giorni decisivi, davanti al Ministero della Salute. Recependo la direttiva europea 2010/63, infatti, il nostro Parlamento aveva approvato, la scorsa estate, i criteri di legge per la ricerca innovativa, cui il Governo si sarebbe dovuto attenere: l’importantissimo articolo 13 della legge di delegazione europea 96-2013. Il precedente Governo ha calpestato la Legge di delegazione europea pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale, a cui aveva dato il proprio parere positivo: su

tredici precetti previsti dall’articolo 13 sono stati stravolti o affossati ben dieci punti! Mentre l’articolo 13 “restringe” la vivisezione e incentiva il ricorso ai metodi sostituivi di ricerca, il precedente Governo non aveva rispettato infatti il divieto di esperimenti senza anestesia o analgesia (tra i più dolorosi), aggira lo stop a esercitazioni didattiche con animali, straccia le limitazioni su animali modificati geneticamente e il riutilizzo in più test, vara un fondo per i metodi alternativi destinato per l’84% a chi effettua vivisezione (!) volendo far slittare di quattro anni il divieto di prove con animali per xenotrapianti, alcool e droghe. Il tutto con sanzioni non dissuasive. “Le “carte in tavole non si cambiano” – afferma la Federazione – lottiamo per l’abolizione della vivisezione e vogliamo che i principi di cambiamento stabiliti per Legge dal Parlamento siano rispettati dal nuovo Governo come previsto dall’articolo 76 della nostra Costituzione e richiesto anche dalla Commissione Affari Costituzionali del Senato! Sono già 30 mila i cittadini che nelle scorse settimane hanno firmato questo importante appello, mentre quasi 800 mila persone hanno espresso il loro NO totale firmando dall’Italia l’iniziativa europea contro al vivisezione.” Fonte: ENPA Ente Nazionale Protezione Animali.  ——–  Vivisezione, entro il 4 marzo il decreto legislativo che potrà dare una svolta alla ricerca firmate in massa l’appello decisivo al nuovo governo: già raccolte 30.000 adesioni  ——-  http://goodnews.ws/

Promuovi la tua attività Green con Good News, per un mondo più verde! Clicca qui: ECO partners

Sostieni l’unico e-magazine dedicato alle buone notizie, con una tua donazione ≈ un € x un sorriso
Redazione & Pubblicità Tel. 380 2664166 Scrivi a: goodnews@goodnews.ws

Futuro Verde: la Casa Ecologica con Bioedilizia e Energie Alternative

Come depurare l’acqua del rubinetto risparmiando soldi e guadagnando salute

Share This Post