Home » University News

Identificato il più vecchio gemello del Sole

Inserito da

Il VLT dell’ESO scova nuovi indizi per risolvere il mistero del Litio. Un’equipe internazionale guidata da astronomi brasiliani ha usato il VLT (Very Large Telescope) dell’ESO per identificare e studiare il più vecchio gemello del Sole finora noto. A 250 anni luce dalla Terra, la stella HIP 102152 è più simile al Sole di qualsiasi altro gemello solare – tranne che ha circa quattro miliardi di anni in più. Questo gemello più vecchio, ma quasi identico, ci dà una possibilità senza precedenti di vedere come sarà il Sole da vecchio. Le nuove osservazioni forniscono anche per la prima volta un chiaro legame tra l’età della stella e il suo contenuto di Litio, suggerendo inoltre che HIP 102152 possa ospitare pianeti rocciosi di tipo terrestre.Gli astronomi osservano il Sole con un telescopio da soli 400 anni – una frazione piccolissima dell’età del Sole, che ora è di più di quattro milardi di anni. È difficile studiare la storia e l’evoluzione futura della nostra stella, ma possiamo farlo cercando quelle rare stelle quasi esattamente uguali alla nostra ma che si trovano in fasi diverse della vita. Gli astronomi hanno identificato ora una stella che è essenzialmente un gemello identico al Sole, ma ha circa 4 miliardi di anni in più – quasi come vedere una versione reale del paradosso dei gemelli [1]. Jorge Melendez (Universidade de São Paulo, Brasile), a capo dell’equipe e co-autore del nuovo articolo, spiega: “Per decenni gli astronomi hanno cercato stelle gemelle del Sole per capire meglio la nostra sorgente di energia e di vita. Ma ne sono stati trovati pochissimi: il primo è stato scoperto solo nel 1997. Ora abbiamo ottenuto spettri di qualità eccezionale dal VLT e possiamo esaminare i gemelli solari con

estrema precisione, per rispondere alla domanda se il Sole sia veramente una stella speciale”.L’equipe ha studiato due gemelli solari [2] – uno che si pensava fosse più giovane del Sole (18 Scorpii) e uno più vecchio (HIP 102152). Hanno usato lo spettrografo UVES sul VLT (Very Large Telescope) all’Osservatorio del Paranal dell’ESO per dividere la luce nei suoi colori componenti in modo da studiare in dettaglio la composizione chimica e altre proprietà di queste stelle.Hanno scoperto che HIP 102152, nella costellazione del Capricorno, è il più vecchio gemello solare finora trovato. Si stima che abbia 8,2 miliardi di anni, rispetto ai 4,6 del nostro Sole. D’altra parte si è confermato che 18 Scorpii è più giovane del Sole – con un’età di circa 2,9 miliardi di anni. Studiare il vecchio gemello solare HIP 102152 permette agli scienziati di prevedere cosa potrebbe accadere al Sole quanto raggiungerà quell’età, e in questo senso la scoperta fatta è già significativa. “Uno dei punti che volevamo chiarire è se il Sole ha o meno una composizione chimica tipica”, dice Melendez. “E, più importante, perchè ha un contenuto di Litio stranamente così basso?”. Il Litio, il terzo elemento della tavola periodica, è stato creato nel Big Bang insieme con l’Idrogeno e l’Elio. Gli astronomi riflettono da anni sul perchè alcune stelle sembrano avere meno Litio di altre. Con la nuova osservazione di HIP 102152 si è potuto compiere un grande passo avanti nella soluzione di questo enigma, individuando una forte correlazione tra l’eta di una stella di tipo solare e il suo contenuto di Litio.Il Sole contiene appena l’1% del Litio presente nel materiale da cui si è formato. Esami dei gemelli solari più giovani suggeriscono che questi fratellini contengano quantità molto maggiori di Litio, ma finora non si poteva dimostrare una chiara correlazione tra età e contenuto di Litio [3].TalaWanda Monroe (Universidade de São Paulo), primo autore dell’articolo, conclude: “Abbiamo trovato che HIP 102152 ha un contenuto di Litio veramente basso. Ciò dimostra chiaramente per la prima volta che i gemelli solari più vecchi hanno decisamente meno Litio del Sole e dei gemelli più giovani. Possiamo ora essere sicuri che le stelle in qualche modo distruggano il Litio nel tempo e che il contenuto di Litio del Sole sia normale per la sua

età”. [4] Il risvolto finale della storia è che HIP 102152 ha una composizione chimica leggermente diversa dalla maggior parte degli altri gemelli solari, ma è molto simile al Sole. Entrambi mostrano una carenza di elementi che sono invece abbondanti sui meteoriti e sulla Terra. Questo è un forte indizio che HIP 103252 possa ospitare pianeti rocciosi di tipo terrestre [5]. Note: [1] Molti hanno sentito parlare del paradosso dei gemell: uno dei gemelli identici parte per un viaggio spaziale e torna a Terra più giovane del fratello rimasto. Anche se non c’è nessun viaggio qui, vediamo due età molto diverse per queste stelle così simili – come fossero istantanee del Sole in diversi stadi di vita.[2] Gemello del Sole, analogo solare e stella di tipo solare sono classi di stelle così definite in base alla loro somiglianza con il Sole. I gemelli solari sono quelle più simili al Sole in quanto a massa, temperatura e abbondanze chimiche. I gemelli solari sono rari, mentre le altre classi, per cui le somiglianze richieste sono meno strette, sono molto più comuni.[3] Studi precedenti avevano indicato che il contenuto di Litio di una stella potrebbe essere influenzato dall’avere pianeti giganti, anche se questi risultati sono stati messi in discussione.[4] Non è ancora chiaro come il Litio venga distrutto nelle stelle, anche se sono stati proposti vari processi per trasportare il Litio dalla superficie della stella negli strati profondi, dove viene poi distrutto.[5] Il basso contenuto in una stella di un elemento che si trova normalmente nei corpi rocciosi significa che è probabile che in orbita intorno alla stella ci siano pianeti rocciosi, di tipo terrestre, poichè tali pianeti catturano gli elementi mentre si formano a partire dal grande disco di materiale che circonda la stella. Il suggerimento che HIP 102152 possa ospitare tali pianeti è ulteriormente rinforzato dallo studio della velocità radiale della stella con lo spettrografo HARPS dell’ESO, che indica che all’interno della zona abitabile della stella non ci sono pianeti giganti. Questo permetterebbe l’esistenza di pianeti simili alla Terra intorno a HIP 102152; quando si trovano pianeti giganti vicino alla stella madre, le probabilità di trovare un pianeta di tipo terreste sono ridotte, poichè questi piccoli corpi rocciosi vengono disturbati e distrutti.Ulteriori Informazioni: Lo studio è presentato nell’articolo “High precision abundances of the old solar twin HIP 102152: insights on Li depletion from the oldest Sun”, di TalaWanda Monroe et al. Fonte: ESO —– http://goodnews.ws/

Promuovi la tua attività Green con Good News, per un mondo più verde! Clicca qui: ECO partners

Sostieni l’unico e-magazine dedicato alle buone notizie, con una tua donazione ≈ un € x un sorriso
Redazione & Pubblicità Tel. 380 2664166

Scrivi a: goodnews@goodnews.ws

≈ l’Acqua è Viva ≈ Evviva l’acqua ≈ l’Acqua è un Bene Comune ≈

Acquista subito i tuoi libri: consegna gratuita se spendi almeno 19 €!