Home » Misteri, University News

Alla ricerca di pianeti simili alla Terra: ritratto di sistemi planetari. In uscita i primi risultati di GAPS

Inserito da

Di prossima pubblicazione su Astronomy & Astrophysics i primi due risultati del progetto GAPS – Global Architecture of Planetary Systems, che si avvale dello spettrografo HARPS-N installato al Telescopio Nazionale Galileo dell’INAF risultato ….. I risultati in uscita ci confermano gran parte delle osservazioni e deduzioni effettuate finora, le quali ci dicono come sia più probabile trovare pianeti giganti orbitanti attorno a stelle ricche di elementi chimici più pesanti di Idrogeno ed Elio, cioè stelle relativamente giovani rispetto all’età dell’universo. Attorno a quali tipi di stelle dobbiamo cercare pianeti? Sono di più i pianeti giganti o quelli di tipo terrestre? Il nostro Sistema Solare è una regola o un’eccezione? Porsi queste domande vent’anni fa sembrava ai limiti della Fantascienza. Oggi è ricerca astrofisica di punta. A queste domande cerca di rispondere il progetto GAPS (Global Architecture of Planetary Systems) dell’INAF volto, come dice il nome stesso, ad acquisire una maggior comprensione dell’architettura dei sistemi planetari, quindi delle proprietà strutturali dei pianeti extrasolari e delle dipendenze tra proprietà fisiche dei pianeti e delle stelle che li ospitano. Tutto ciò nel contesto, più ampio, relativo alla

comprensione di come si formino e si evolvano i sistemi planetari e in particolare quali tra gli scenari, finora invocati, sia il più plausibile. A GAPS contribuiscono astronomi appartenenti a dieci sedi INAF, tra cui il Telescopio Nazionale Galileo, all’Università degli Studi di Padova e di Milano, e ad altri istituti stranieri. Un primo gruppo di risultati, che saranno pubblicati in un articolo della rivista A&A, è il frutto della raccolta e dell’analisi di dati accuratissimi ottenuti sul sistema stella-pianeta denominato Qatar-1, a circa 600 anni luce da noi tra le costellazioni del Dragone e di Cefeo. Il sistema Qatar-1 ha ora una carta d’identità precisa: contiene uno Hot Jupiter, cioè un pianeta con una massa pari a circa 1,3 volte la massa di Giove, più massiccio di quanto rilevato in precedenza, che orbita su un piano molto ben allineato con l’asse di rotazione della stella e con un’orbita quasi circolare. La stella ospite, di cui sono state derivate anche le proprietà atmosferiche, è una stella ricca di elementi chimici più pesanti d’idrogeno ed elio ed è anche una delle più deboli attorno alla quale, con osservazioni da terra, sia mai stato rilevato un pianeta. È una nana di tipo spettrale K, di età comparabile con quella del Sole. Ruota lentamente ma mostra anche un’intensa attività sulla sua superficie, cosa che non ci si aspetterebbe in una stella di questo tipo. Questo ci suggerisce che potrebbe essere proprio la forte interazione mareale con il pianeta gigante, che le orbita intorno a distanza ravvicinata, a far sì che l’attività cromosferica sia così intensa. Gli astronomi ritengono che uno scenario possibile sia quello che vedrà cadere il pianeta sulla stella per esserne “ingurgitato”.

Molta consistenza con quanto si sa, finora, sui sistemi planetari si ritrova anche nel secondo gruppo di risultati presentati in una letter in Astronomy & Astrophysics, i quali ci dicono che non vi sono pianeti orbitanti attorno alla stella, a basso contenuto di elementi pesanti, HIP 11952. La presenza di due pianeti era stata in precedenza rilevata da un gruppo di astronomi, analizzando dati ottenuti con una strumentazione sicuramente meno sofisticata di HARPS-N. HIP 11952 era salita alla ribalta come la stella nana a più bassa metallicità attorno alla quale si era trovato un sistema planetario. Questo scardinava quanto si credeva di aver capito sul ruolo della composizione chimica nei processi di formazione planetaria perché non ci si aspettava che stelle così povere di elementi pesanti potessero avere pianeti giganti che gli orbitassero attorno. Questo secondo studio di GAPS ha dimostrato, proprio grazie all’accuratezza delle misure fornite da HARPS-N, che le variazioni, interpretate lo scorso anno come una variazione di velocità radiale e, quindi, come la presenza di pianeti, erano invece dovute a errori di misura indotte dai limiti della strumentazione con cui si erano raccolti i dati. Con HARPS-N infatti, dopo un monitoraggio di velocità radiale della stella in 120 giorni, si è ottenuta una misura di dispersione di 8 metri al secondo, compatibile con gli errori di misura per una stella così povera di metalli. Si è potuto quindi escludere la presenza dei due pianeti precedentemente rilevati nel 2012. Fonte: INAF Istituto Nazionale di Astrofisica. – Alla ricerca di pianeti simili alla Terra: ritratto di sistemi planetari.  —- http://goodnews.ws/


Pubblicizza la tua attività Green con Good News, l’unione fa la forza! Clicca qui: ECO partners

Sostieni l’unico e-magazine dedicato alle buone notizie, con una tua donazione ≈ un € x un sorriso
Redazione Tel. 0574 442669 Pubblicità Tel. 0574 1746090

Scrivi a: goodnews@goodnews.ws

Save the Children lotta per i diritti dei bambini in tutto il mondo
Acquista subito i tuoi libri: consegna gratuita se spendi almeno 19 €!