Oggi è l’ora della Terra! Alle 20.30 i luoghi simbolo di tutto il mondo spengono la luce per partecipare…

Si comincia sabato 23 con le isole del pacifico,  per proseguire 24 ore con la ‘ola’ per tutto il pianeta. A Roma si spegnerà anche la cupola di San Pietro, 280 le città italiane coinvolte. Appuntamento in Piazza di Spagna dalle 19 con i comici di Ottovolante Radio2 RAI e nelle tante piazze italiane coinvolte nell’evento. Dall’Opera House di Sydney a Table Mountain, dalle Torri Petronas  alla Porta di Brandeburgo,  dalla Torre di  Tokyo  all’Empire  State  Building  passando  per  San  Pietro –  è  lungo  l’elenco  dei  luoghi  simbolo  più riconoscibili  in tutto  il mondo che parteciperanno all’Ora della Terra 2013, sabato 23 marzo alle 20:30 (a seconda dei fusi orari), il più grande movimento globale per il pianeta celebra i risultati ambientali generati dai suoi partecipanti in tutto il mondo. Nelle ultime ore sono arrivate nuove prestigiose adesioni da parte del Segretario generale dell’Onu Ban Ki-moon che ha detto “Partecipiamo con  determinazione per agire sui cambiamenti climatici” e dal calciatore Lionel Messi che ha comunicato la sua adesione sulla sua pagina Facebook. Saranno oltre 150  i Paesi che

parteciperanno  in tutto  il mondo: Palestina, Tunisia, Galapagos, Suriname, Guyana Francese, St. Helena e Rwanda sono tra coloro che entrano a far parte del movimento globale per la prima volta proprio quest’anno. La Sydney Opera House e l’Harbour Bridge, le Torri Petronas di Kuala Lumpur, Singapore, Marina Bay Sands, la Torre di Tokyo, Taipei 101, Nido d’uccello di Pechino,  il Gateway d’India,  l’edificio più alto del mondo  Il Burj  Khalifa,  l’antica  cittadella  di  Erbil  in  Kurdistan,  il  Table Mountain,  il  Ponte  sul Bosforo,  la  statua  del David  a  Firenze  e  San  Pietro,  la  Torre  Eiffel,  la  Porta  di  Brandeburgo,  la  statua  della  Sirenetta  di Copenaghen,  la  House  of  Parliament  del  Regno  Unito,  Buckingham  Palace,  l’Empire  State  Building,  le Cascate del Niagara, Los Angeles sono alcuni degli edifici simbolo che si spegneranno per l’evento. Tra le novità, la UEFA, l’organo di governo del calcio europeo,   che spegnerà le luci della sede centrale  a Nyon, sulle sponde del Lago Ginevra in Svizzera. Non solo,  la Russia si è unita all’evento con 100  luoghi simbolo  in 50 città e paesi e  i suoi cittadini hanno mostrato come si può avere un  impatto positivo nel mondo  in cui viviamo già  lo scorso anno  firmando  in 120  mila  la  petizione  per  far  passare  la  legge  tanto  attesa,  per  proteggere  i  mari  del  Paese dall’inquinamento da idrocarburi. La petizione, che faceva parte della campagna Earth Hour ‘I Will If You Will’, è stata poi presentato al governo ed è diventata determinante per l’approvazione di tale legge nel Parlamento russo. “Il  brillante  risultato  dell’iniziativa  dei  cittadini  russi    è  diventato  l’esempio  degli  incredibili  risultati ambientali che si possono ottenere quando si lavora insieme per far sì che l’Ora della Terra sia efficace ben oltre il tempo dell’evento -ha detto Mariagrazia Midulla Responsabile Clima ed Energia del WWF Italia. “Attraverso la campagna Earth Hour ‘I Will If You Will’ le persone di tutti i ceti

sociali, da tutti gli angoli del globo hanno il potere di   unirsi nei loro gesti, individuali o collettivi,   per garantire un futuro sostenibile al Pianeta. Dobbiamo dare più valore alle nostre azioni e fare rete, per noi e per  le generazioni che si affacciano alla vita”, ha sottolineato  Midulla. Molti  i  risultati ottenuti  anche  in  altri  luoghi del mondo  attraverso  il movimento dell’Ora della Terra.  In Uganda, la prima Foresta Earth Hour è stata creata come passo importante nella lotta contro i 6.000 ettari di  deforestazione  che  si  verificano  nel  paese  ogni mese.  Il WWF  Uganda  ha  individuato  2.700  ettari  di terreni degradati e ha  fissato  come obiettivo della  loro  campagna Earth Hour 2013 quello di piantare  in quest’area almeno 500.000 alberi autoctoni. In  Botswana,  l’ex  Presidente  Sig.  Festus Mogae  lancia  la  sua  sfida  per  la  campagna  ‘I Will  If  You Will’, impegnandosi per i prossimi quattro anni a piantare un milione di alberi  iniziando con 100.000 alberi in una zona  fortemente  degradata  nel  sud  del  Botswana  chiamata  GoodHope.  Negli  Stati  Uniti,  circa  35.000 ragazze  scout  hanno  partecipato  a  Earth Hour  2012  grazie  al  loro  progetto  di  risparmio  energetico  con l’installazione  di  132.141  lampadine  a  risparmio  energetico  nelle  case  e  centri  pubblici,  eliminando l’equivalente di CO2   assorbite da   7.495 ettari di alberi all’anno. E  in Argentina, gli organizzatori di Earth Hour  e  la  Fondazione  Vida  Silvestre  Argentina  (organizzazione  partner  del WWF  in  quel  Paese)  stanno mobilitando  migliaia  di  partecipanti  per  aiutare  l’approvazione  di  un  disegno  di  legge  del  Senato  per rendere Banco Burwood la più grande Area Marina Protetta (MPA) nel Paese. In caso di successo, con i 3,4 milioni  di  ettari  dell’Area Marina  Protetta,  aumenterebbe  il  livello  di  protezione  della  Zona  Economica Esclusiva dell’Argentina dall’

Bimbo di 3 anni spegne le luci Isole Fiji1% al 4%. I  luoghi simbolo dello spegnimento che entrano a  far parte per  la prima volta di Earth Hour quest’anno includono il Cremlino, La Sirenetta di Copenaghen e la statua del David di Firenze. Questo è anche il primo anno in cui la Table Mountain di Città del Capo, da quando ha fatto la sua ascesa tra le Nuove 7 Meraviglie del Mondo Naturale, spegnerà le luci per l’Ora della Terra. IN  ITALIA,  UN  ESEMPIO  CONCRETO  DI  EFFICIENZA  ENERGETICAE  RINNOVABILI  INSIEME. Un  esempio concreto  di  quello  che  si  può  fare  per  aumentare  l’efficienza  energetica  e  combattere  il  cambiamento climatico  arriva  da  Anversa  degli  Abruzzi  dove  l’Oasi WWF  delle  Gole  del  Sagittario    l’Amministrazione Comunale,  i bambini della  locale  scuola primaria e  il presidente nazionale  f.f.   WWF  Italia Dante Caserta festeggeranno  l’ora  della  Terra,  inaugurando  il  nuovo  Centro  di  monitoraggio  della  ricca  fauna  locale, ospitati  in    due  edifici  appena  ristrutturati  grazie  a  fondi  CIPE  nel  centro  storico  del  borgo  aquilano  e riscaldati  grazie  da  una  efficientissima  caldaia  a  biomassa  vegetale,  alimentata  dai  residui  vegetali recuperati in loco,  e al teleriscaldamento esteso agli edifici adiacenti. GLI  SPEGNIMENTI  IN  ITALIA    In  Italia  sono più di 280  Comuni,  che daranno  vita  a  una  suggestiva gallery  a  luci  spente  dei  più  bei  monumenti  della  penisola.  Novità  di  quest’anno  il  David  di Michelangelo  a  Firenze,  la  basilica  di  San  Francesco  ad  Assisi,  i  portici  palatini  di  Torino,  che  si aggiungono alla cupola di San Pietro, e a partecipanti storici come  il nucleo di monumenti storici di Firenze  (Palazzo Vecchio, Ponte Vecchio, Palazzo Sacrati Strozzi e Duomo),  la

Torre di Pisa,  la mole Antonelliana, l’Arena di Verona, l’Acquario di Genova, Piazza del Plebiscito a Napoli, Piazza Maggiore a Bologna, le mura di Lucca, la Fontana Maggiore di Perugia, la Torre dell’Elefante di Cagliari, la statua di Garibaldi  a  Trapani,  i  ponti  di  Calatrava  a  Reggio  Emilia.  A Milano  oltre    alla  Scala,    al  Castello Sforzesco  si accendono di candele a  ritmo di  capoeira, mentre  la  squadra di  rugby di Santa Maria Capua Vetere giocherà una partita al buio con casacche fluorescenti. Tante le attività anche nelle Oasi WWF, con l’osservazione delle stelle a Orbetello, l’ascolto dei suoni del bosco a Vanzago oltre alla speciale notte della civetta all’Oasi di Orti-Bottagone. LE SFIDE –  IO FARO’ SE TU FARAI. Per  stimolare  la  transizione verso un  futuro più  sostenibile attraverso ”sfide” divertenti e partecipate,  il WWF ha  ideato  la piattaforma “I will  if you will,  Io  farò se tu  farai” che l’anno scorso ha lanciato circa 10.000 sfide di sostenibilità coinvolgendo più di 4,6 milioni di persone. Anche i  comici di Ottovolante hanno  lanciato  le  loro  sfide  invitando  i  fan  a  intraprendere  azioni  sostenibili per ridurre  la  propria  impronta  sul  pianeta,  come  evitare  gli  sprechi  di  energia,  adottare  un’alimentazione sostenibile o  ridurre  l’utilizzo dell’automobile. Dario Ballantini ha promesso una “notte  d’amore”  nella  parte  di  uno  dei  suoi  personaggi  (“La  Russa  per  lei,  la Brambilla  per  lui,  Valentino  per  gli  incerti!”)  se  10.000  persone  spegneranno  gli  standby  dei  loro elettrodomestici;  Savino  Zaba  rinuncerà  a  lavastoviglie  e  detersivi  per  due  settimane  se  500  persone lanceranno una loro sfida, Dario Cassini cucinerà pranzi domenicali a quattro portate per chiunque metterà un  pannello  isolante  dietro  il  termosifone  e  non  avrà  un  risparmio  del  25%  in  bolletta,  Alberto  Farina ballerà il tribal fusion in diretta streaming se in 5000

spegneranno la luce il 23 marzo. Si sono uniti alle sfide anche il neo-commissario Rex l’attore Ettore Bassi, il comico Diego Parassole, la blogger Lisa Casali oltre al geologo CNR Mario Tozzi   e  il giornalista a due ruote di Radio Bici Maurizio Guagnetti che  in questi mesi sta portando  in  tutta  Italia  l’appello del WWF  “No al  consumo di  suolo,  sì al  riuso dell’Italia”  (che  si può firmare  qui. E sono moltissimi  i cittadini  italiani, tra climbers, surfisti,  insegnanti di yoga, garden designers, che hanno già raccolto una sfida o ne hanno lanciata una propria su www.wwf.it/oradellaterra. LE AZIENDE PER EARTH HOUR  Le imprese partner del WWF hanno risposto all’appello di Earth Hour. Sulla sensibilizzazione dei propri 166 mila dipendenti punta Unicredit, che aderisce spegnendo gli edifici più rappresentativi, come il suo quartiere generale a Milano. Sofidel, membro del programma internazionale WWF Climate Savers per la riduzione delle emissioni, spegnerà simbolicamente le insegne luminose degli stabilimenti italiani, Dodo spegnerà le vetrine dei negozi in Italia. Auchan spegnerà l’insegna esterna degli Ipermercati, abbasserà le luci ogni ora e diffonderà lo spot radio e video.   I Provenzali hanno accettato di lanciare la loro sfida per  ‘I will if you will’ (video). Berendsohn conferma l’adesione all’evento anche per il 2013. Mutti, impegnato con WWF a ridurre la propria impronta idrica e di carbonio, ha sensibilizzato dipendenti e clienti sui temi dell’iniziativa. Fonte: WWF Italia. – Oggi è l’ora della Terra! Alle 20.30 i luoghi simbolo di tutto il mondo spengono la luce per partecipare all’ora della Terra – Spengi la luce e accendi il cuore http://goodnews.ws/


Pubblicizza la tua attività Green con Good News, l’unione fa la forza! Clicca qui: ECO partners

Sostieni l’unico e-magazine dedicato alle buone notizie, con una tua donazione ≈ un € x un sorriso
Redazione Tel. 0574 442669 Pubblicità Tel. 0574 1746090

Scrivi a: goodnews@goodnews.ws

Save the Children lotta per i diritti dei bambini in tutto il mondo
Acquista subito i tuoi libri: consegna gratuita se spendi almeno 19 €!

Share This Post