Home » University News

Missione Italia nello Spazio: Luca Parmitano pronto a ‘Volare’ verso la Stazione Spaziale Internazionale

Inserito da

La prima missione di lunga durata assegnata dalla NASA all’Agenzia Spaziale Italiana. Il sesto astronauta italiano, Luca Parmitano, si prepara al decollo verso la ISS previsto per il prossimo maggio: inizierà così la missione VOLARE. L’astronauta è in Italia in questi giorni prima di iniziare la fase finale del suo addestramento. Durante la sua permanenza, Parmitano ha avuto e avrà molti appuntamenti, soprattutto con gli studenti dei Convitti Nazionali di Roma, Napoli e Torino, per raccontare la sua prossima avventura nello spazio. Parmitano è il primo della nuova generazione degli astronauti dell’ESA a essere stato assegnato a una missione sulla ISS ed è, inoltre, maggiore dell’Aeronautica Italiana. La missione si chiamerà VOLARE, un nome fortemente evocativo dell’Italia nel mondo. La nuova missione spaziale avrà l’obiettivo di promuovere il futuro dell’esplorazione spaziale dell’Europa e il ruolo che l’Europa ha sulla Stazione attraverso l’ESA. Sarà la prima di lunga durata per l’Agenzia Spaziale Italiana: Parmitano sarà lanciato dal cosmodromo di Baikonur il prossimo maggio e resterà sulla ISS circa sei

mesi. Questa opportunità di volo è stata assegnata all’ASI dalla NASA e nasce da un Memorandum bilaterale diretto NASA/ASI, in base al quale ASI ha fornito all’ente spaziale statunitense tre moduli pressurizzati abitativi (MPLM – Multi Purpose Pressurized Module) e il PMM (Permanent Multi Purpose Module) per la ISS. Durante la missione, Luca sarà impegnato in più di 20 esperimenti scientifici per ESA e ASI, molti dei quali sono basati sul know how italiano: dovrà svolgere come membro di equipaggio della ISS un’ampia e articolata attività di sperimentazione, pianificata dal crew office della NASA. Luca Parmitano ha incontrato, per primi, gli studenti del Convitto Nazionale di Roma, circa 1.100 allievi che hanno potuto ascoltare il futuro astronauta italiano raccontare come si diventa astronauti, come ci si prepara e quali attività realizzerà sulla Stazione Spaziale Internazionale (ISS). Parmitano ha esortato gli alunni del Convitto ad amare i propri studi e in generale quello che si fa, “perché la passione nello studio porterà risultati”. Per gli studenti dei Convitti Nazionali l’incontro con Luca è un momento di approfondimento e conoscenza di un settore come quello spaziale, capace di offrire grandi opportunità di sviluppo occupazionale. L’obiettivo è avvicinare le nuove generazioni al mondo dello spazio e cercare di far nascere in loro la passione e la conoscenza di attività avanzate nelle quali l’Italia ha un ruolo di primo piano in campo internazionale. Luca Parmitano ha riservato ai giovani molta attenzione, ricordando come si può diventare astronauta, il percorso di preparazione e la fatica di allenarsi per un lavoro così particolare. Dietro la sua missione di volo c’è tutto il sistema Italia che si è preparato e coordinato ad alti livelli per il successo di questa attività. Gli appuntamenti nei convitti saranno anche occasione per mostrare non solamente il Made in Italy di alta tecnologia, ma anche il nostro cibo e la nostra cultura gastronomica che accompagneranno gli astronauti sulla ISS. “Questa

presentazione di Luca Parmitano nel Convitto – ha dichiarato Enrico Saggese, presidente dell’Agenzia Spaziale Italiana – ha lo scopo di trasmettere l’entusiasmo e la gioia dell’astronauta alle nuove generazioni: Parmitano è un ambasciatore dell’Italia nel mondo della tecnologia avanzata. Ma è anche un ambasciatore per le nuove generazioni: spero che le avventure sulla ISS ispirino i giovani in settori che danno lustro all’Italia e in settori in cui il nostro Paese è all’avanguardia, come l’aerospazio”. La missione di Luca Parmitano avrà il nome di VOLARE e sarà rappresentata da una Soyuz che con una scia tricolore avvolge la Terra e traccia il percorso della Stazione Spaziale Internazionale. Il decollo è fissato il 29 maggio dal Cosmodromo di Baiknur, quando razzo russo Soyuz TMA-07M con i tre componenti della Expedition 36/37 partiranno alla volta della ISS. Oltre a Luca Parmitano, nell’equipaggio ci saranno il comandante russo Fyodor Yurchikhin e la statunitense Karen Nyberg. A novembre dello stesso anno la Soyuz TMA-09M lascerà la ISS per rientrare a Terra. La partecipazione di Luca Parmitano all’equipaggio della missione ISS 36/37 conferma il ruolo di primo piano che il nostro Paese ha nel settore spaziale e, in particolare, nell’attività di ricerca a bordo ISS. Completata la costruzione della Stazione, è iniziata la fase di utilizzo a tempo pieno di questo avamposto spaziale dell’umanità. L’Italia ha un ruolo fondamentale nell’utilizzo scientifico della Stazione ed è stata anche il Paese che ha partecipato alla sua realizzazione molte dei moduli abitativi, circa il 50%, sono stati costruiti a Torino. Fonte: ASI Agenzia Spaziale Italiana


Pubblicizza la tua attività Green con Good News, l’unione fa la forza! Clicca qui: ECO partners

Sostieni l’unico e-magazine dedicato alle buone notizie, con una tua donazione ≈ un € x un sorriso
Redazione Tel. 0574 442669 Pubblicità Tel. 0574 1746090

Scrivi a: goodnews@goodnews.ws

Save the Children lotta per i diritti dei bambini in tutto il mondo
Acquista subito i tuoi libri: consegna gratuita se spendi almeno 19 €!