Home » PRO-CULTURE

Venere contro Marte, in Salute Vince Venere ≈ Mariangela Melato e Giancarlo Giannini

Inserito da

In Italia la donna è il “medico in famiglia”, ma è più pigra dell’uomo e non rinuncia a fumo e alcol. L’Osservatorio Salute AstraZeneca svela – attraverso la nuova indagine di ISPO – le differenze di genere in tema di prevenzione, farmaci, medici, sessualità e visite di controllo. Le donne italiane sono le più salutiste in Europa, ma anche le più attente ai costi: più del 30% sono “salutiste parsimoniose”, fanno regolarmente controlli, che però giudicano troppo cari. L’imbarazzo sotto le lenzuola, invece, è tipicamente maschile, con 4 italiani su 10 che preferirebbero risolvere un problema legato alla sessualità in autonomia o con il partner. Venere batte Marte, almeno quando si parla di salute. Le donne italiane fanno controlli medici in modo più regolare degli uomini e sono considerate il vero “medico in famiglia”, che si prende cura dei figli, dei genitori e dello stesso partner in caso di malattia. Le donne, però, vincono anche per pigrizia e per alcune “debolezze”: fanno meno attività fisica (49% contro il 58% uomini), non vogliono rinunciare alle sigarette (23% contro il 17% degli uomini) e ridurre il consumo di alcolici (17% contro il 9% degli uomini). È quanto emerge dall’Osservatorio Salute AstraZeneca, l’indagine periodica sulla cultura della salute che, realizzata in collaborazione con ISPO, ha svelato le differenze di genere in Italia, Gran Bretagna, Germania, Svezia e Spagna. Vince Venere. Donne e uomini provengono da pianeti diversi anche nel campo della salute. Le donne, ad esempio, vincono nettamente

il confronto in tema di attenzione alla prevenzione: il 72% delle donne contro il 63% degli uomini dichiara di fare regolarmente controlli e visite mediche generali. I risultati più schiaccianti riguardano le analisi per la prevenzione dei tumori (65% donne contro il 45% degli uomini) e le visite di controllo legate alla sfera intima: il 72% delle donne italiane va dal ginecologo almeno una volta ogni due anni, mentre più del 60% degli uomini non è mai andato dall’andrologo. Donna, “medico in famiglia”. In casa non ci sono dubbi: è la donna che si occupa della salute dei familiari malati per tutte le esigenze quotidiane (51% contro il 9% degli uomini), si informa sulla prevenzione (49% contro il 9% degli uomini), accompagna i figli, i genitori e lo stesso partner dal medico o a fare le analisi (45% contro il 12% degli uomini). È poi sempre la donna che va in farmacia e compra le medicine per tutti (44% contro il 14% degli uomini). “Donne e uomini – commenta Patrizia Fabricatore, Vice President Human Resources AstraZeneca Italia e consigliera di Valore D – sono diversi nella vita di ogni giorno, nei confronti della salute. Le aziende hanno il dovere di prendere in considerazione questa diversità di ruoli nella famiglia, impegnandosi a introdurre alcuni strumenti che permettano di superare proprio le differenze di genere. Sto pensando, ad esempio, alla flessibilità (orari elastici, home working…): strumenti che, una volta messi a disposizione, vengono apprezzati e utilizzati tanto dalle donne, quanto dagli uomini, permettendo di superare le apparenti differenze”. “Nella mia esperienza, però, posso sicuramente riconoscere la maggiore attenzione delle donne alla salute – aggiunge Fabricatore – anche sul luogo di lavoro. Ad esempio, in AstraZeneca puntiamo molto sulla prevenzione, mettendo periodicamente a disposizione dei dipendenti visite di controllo gratuite in azienda, che risultano più apprezzate e utilizzate dalle donne”.  Salutiste sì, ma più “parsimoniose” che “convinte”. Secondo l’Indice di Prevenzione – calcolato da ISPO sulla base dei comportamenti salutari e dei controlli medici effettuati – le donne italiane sono le più salutiste

d’Europa, seguite dalle spagnole e dalle tedesche . Le italiane, però, rispetto agli altri Paesi sono principalmente “salutiste parsimoniose” (31%), che fanno diligentemente e regolarmente le visite necessarie, ma le giudicano troppo costose. Seguono poi le “salutiste convinte” (24%), che fanno controlli regolari e non badano al costo, e le “perplesse abitudinarie” (20%), che fanno prevenzione senza convinzione. Un’italiana su quattro, invece, non fa alcun tipo di prevenzione: le “vorrei-ma-non-posso” (15%) sono convinte che i controlli servano, ma non li fanno perché costano troppo; le “ultra-scettiche” (7%) non credono nell’utilità della prevenzione e non la fanno; le “pigre” (3%), infine, ritengono importante la prevenzione e, pur avendo le possibilità economiche, non si sottopongono a controlli. In Europa le salutiste più convinte, non curanti del costo delle visite mediche, sono le spagnole (48%), mentre le svedesi risultano le più scettiche (25%), le più impossibilitate alla prevenzione (16%) e le più pigre (17%). “Indipendentemente dal genere – commenta Renato Mannheimer, Presidente ISPO – gli italiani sembrerebbero tendenti un po’ all’ipocondria. Potremmo parlare quasi di un ‘paradosso dell’ipocondriaco’ o comunque di atteggiamenti apparentemente incoerenti… Quando si avverte un disturbo, 1 intervistato su 4 crede subito di avere una malattia grave. Dal medico, però, gli italiani dicono di andare solo quando stanno davvero molto male e quasi 8 su 10 si dichiarano stoici: sopportano senza modificare più di tanto le proprie attività quotidiane”.Vergogna sotto le lenzuola. La malattia legata alla sfera sessuale è ancora oggi un tabù: meno di 3 italiani su 10 si rivolgerebbero a uno specialista senza esitazioni, mentre 4 su 10 dichiarano che preferirebbero risolvere da soli o con il proprio partner un eventuale problema nella sfera intima (gli uomini un po’ più delle donne, 43% contro 37%). L’imbarazzo continua dunque a farla da padrone, come conferma anche il 16% delle donne italiane che preferisce non rispondere alla domanda. Anche in Europa la situazione

non cambia e prevale il senso di vergogna: le più imbarazzate di tutti sembrano essere le donne inglesi (nel 54% dei casi proverebbero a risolvere il problema in autonomia), seguite dagli uomini e dalle donne svedesi (rispettivamente 52% e 50%). I più disinibiti, invece, sono gli uomini tedeschi, che nel 35% dei casi andebbero immediatamente dallo specialista. Diversi, ma non troppo. Donne e uomini provengono da due pianeti diversi, ma in alcuni casi le differenze di genere scompaiono. Quando si tratta di scegliere il proprio medico, ad esempio, 2 italiani su 3 dichiarano di fidarsi allo stesso modo di un dottore o di una dottoressa. Anche la reazione di donne e uomini di fronte a una malattia è molto simile: entrambi dicono – con una piccola variazione di percentuale – di fidarsi solo del parere degli specialisti (76% le donne e 74% gli uomini) e di tendere a sopportare i disturbi senza modificare più di tanto le attività quotidiane (79% gli uomini e 76% le donne). 1. Secondo l’Indice di Prevenzione calcolato da ISPO, il numero medio di comportamenti salutari più alto è quello delle donne italiane (6,6 su 9), seguite dalle spagnole (6 su 9) e dalle tedesche (6,6 su 9).  Osservatorio Salute AstraZeneca; È uno strumento che analizza, con il supporto di ISPO, l’attenzione degli italiani verso la salute con una prospettiva ampia e di lungo periodo. Con l’indagine “Venere vs Marte” sulle differenze di genere in tema di salute è giunto alla sua terza edizione. I prossimi appuntamenti dell’Osservatorio si concentreranno su: il rapporto tra salute e sport nell’anno delle Olimpiadi e degli Europei; i giovani e la cultura della salute (con uno speciale approfondimento sui nuovi media). Fonte: Osservatorio Salute AstraZeneca


Pubblicizza la tua attività Green con Good News, l’unione fa la forza! Clicca qui: ECO partners

Sostieni l’unico e-magazine dedicato alle buone notizie, con una tua donazione ≈ un € x un sorriso
Redazione Tel. 0574 442669 Pubblicità Tel. 0574 1746090

Scrivi a: goodnews@goodnews.ws

Save the Children lotta per i diritti dei bambini in tutto il mondo
Acquista subito i tuoi libri: consegna gratuita se spendi almeno 19 €!