Messico: Gigantesco UFO (Oggetto Volante non identificato) penetra nel vulcano Popocatépetl

Si avvicina il 21 dicembre 2012 e in pieno territorio Maya eccoti il super UFO… Giovedì 26 ottobre 2012, un grandissimo Oggetto Volante non identificato (un chilometro di lunghezza e 200 metri di larghezza) si è tuffato nel cratere del Vulcano *Popocatépetl, in Messico. La notizia è documentata e trasmessa dall’emittente televisiva messicana Televisa. Gli scienziati intervistati non hanno ipotesi circa l’origine né tantomeno cosa possa essere. La Prof. Margarita Rosado astronoma dell’Università Nazionale Autonoma del Messico ritiene che non si tratti di materiale espulso dal vulcano o un meteorite derivante dallo spazio. L’UFO è luminoso e di colori diversi e non pare influenzarsi con l’aria e i gas del vulcano. Per ora non ci sono ipotesi o teorie scientifiche circa l’origine e l’entità dell’oggetto e non pare neanche un errore o difetto tecnico della telecamera. – * Il Popocatépetl (5.452 metri), è un vulcano in attività, localizzato nell’area di Puebla, in Messico. Il vulcano si trova a 70 km a sudest di Città del Messico e solo 45 km a ovest della città di Puebla. Il suo nome, che in lingua nahuatl significa “montagna (tepētl)

che emette vapore (popōca) “, è dovuta alla sua continua attività, fin dai tempi dell’epoca precolombiana. Il Popocatépetl ha una forma conica simmetrica, con ghiacciai perenni vicino al cratere, sulla cima della montagna. È il secondo vulcano più alto del Messico, con un’altezza massima di 5.465 metri sul livello del mare, secondo solamente ai 5.700 metri del Citlaltépetl (o “Pico de Orizaba”). Il Popocatépetl, conosciuto anche come Popo o Don Goyo, è uno dei vulcani più attivi del Messico. Dal 1354 sono state registrate diciotto eruzioni. In questo periodo la sua attività è moderata ma costante, con emissioni di fumarole, composte di gas e da vapore, e da repentine e impreviste eruzioni minori di ceneri e materiale vulcanico. L’ultima eruzione violenta del vulcano fu registrata nel dicembre del 2000. Nel 1994 i monasteri costruiti sulle sue pendici all’inizio del XVI secolo furono dichiarati Patrimonio dell’umanità dall’UNESCO. Il volcán, durante l’epoca precolombiana, era una divinità azteca destinataria di un culto esclusivo. Nei giorni nostri il culto sopravvive in forma minoritaria o simbolica; i guardiani del vulcano sono chiamati “temperos del vulcano Popocatépetl”, e a esso si riferiscono come Don Goyo o Serafín, personificandolo come un’indigena. I temperos fanno parte delle comunità che popolano le pendici del vulcano e assicurano di poter comunicare con esso dopo un’esperienza che li ha portati vicino alla morte, come l’essere stati colpiti da un fulmine o per aver sofferto di una malattia terminale. I temperos celebrano riti nei santuari consacrati a Popocatépetl, che si trovano tra le piantagioni e le zone boscose alle pendici del vulcano, per invocare la benedizione della pioggia, così come la protezione del dio per i raccolti.  Fonte: Grupo Televisa, S.A.B. – México


Pubblicizza la tua attività Green con Good News, l’unione fa la forza! Clicca qui: ECO partners

Sostieni l’unico e-magazine dedicato alle buone notizie, con una tua donazione ≈ un € x un sorriso
Caro amico lettore, Good News è un progetto aperto e accetta la collaborazione di chiunque abbia voglia di far circolare buone notizie. Inviaci le tue proposte (articoli, foto e video).
Redazione Tel. 0574 442669 Pubblicità Tel. 0574 1746090

Scrivi a: goodnews@goodnews.ws

Con Sorgenia sei libero di scegliere l’energia pulita! …e per 24 mesi il prezzo dell’energia può solo scendere. Scopri Libero 24!Gas&Luce per la tua Attività sono più convenienti online con Edison!

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

Share This Post