Home » University News

La Dea dell’Amore si mostra in tutta la sua bellezza la notte fra il 5 e 6 Giugno. Occhi al cielo…

Inserito da

Nella nottata tra martedì 5 e mercoledì 6 giugno Venere arriverà a trovarsi puntualmente tra il globo terrestre e la nostra stella il Sole. Regalando così un’esibizione irrinunciabile: proseguirà per pressappoco sette ore, e non si replicherà più sino al 2117. Alla prima luce di mercoledì 6 giugno il Sole s’innalzerà con un neo in faccia. Un minuscolo cerchietto nero – soltanto un trentesimo, il suo diametro visibile riguardo a quello del Sole – si muoverà piano piano sul disco della nostra stella fino a sfiorare la linea esterna. Quel piccino e nerissimo neo è Venere. Le sue escursioni sul Sole sono avvenimenti insoliti: hanno luogo secondo uno schema che si ripete ogni 243 anni. Per guardare il passaggio di Venere dall’Italia sarà necessario attendere lo spuntare del Sole. Le zone migliori per l’osservazione saranno quelle del nord-est. A Trieste, il luogo in cui il Sole sorgerà alle 5:17, lo show protrarrà quaranta

minuti più che a Cagliari, dove lo spuntare del Sole è atteso per le 5:57 (qui gli orari per altre città). Attenzione: l’osservazione del transito dal vivo richiede grande cautela. Anche se il Sole sarà basso sull’orizzonte, è importantissimo non guardarlo in nessun caso direttamente, ma solo attraverso filtri protettivi specifici, oppure si rischiano seri effetti per gli occhi. Il passaggio di Venere, al di là di essere un’esibizione che la maggior parte di noialtri non avrà mai più l’opportunità di vedere nuovamente, è pure per gli astronomi una possibilità più incomparabile per analizzare l’atmosfera e per verificare le competenze adoperate nello studio dei pianeti extrasolari. Ugualmente per i pianeti, quello che i telescopi scrutano è il movimento dei corpi celesti innanzi alle stelle che li ospitano. La tecnica dell’osservazione del transito consente non solo di indicare nuovi pianeti extrasolari, ma altresì di analizzarne la composizione. Assistere al transito di Venere ci concede di controllare tale tecnica da vicino, all’interno del nostro Sistema solare, regalandoci in questo modo la possibilità di un test eccezionale. Alcuni strumenti utili per seguire in autonomia tutte le fasi del transito: Il sito web “La notte di Venere“, a cura dell’INAF di Padova. – L’indispensabile calcolatore online con orari dell’evento per tutte le località. – Sull’App Store, la app gratuita Venus Transit degli Astronomers Without Borders. – Qui invece la app per Android. Fonte: INAF Istituto Nazionale di Astrofisica. Per la prima volta, il transito di Venere sarà osservato anche dallo spazio. Ecco il video:

Caro amico lettore, Good News è un progetto aperto e accetta la collaborazione di chiunque abbia voglia di far circolare novità positive.Inviaci le tue proposte (articoli, foto e video).

Segreteria Redazione Tel. 0574 442669
Promozione & Pubblicità Tel. 0574 1746090

Sostieni l’unico e-magazine dedicato alle buone notizie, facendo una donazione.



Scrivi a: buonenotizie@goodnews.ws Inserisci sul tuo sito un link al nostro www.goodnews.ws

GOODNEWS Cerca il Meglio per te

^ SHOPPING ^