Una stella Zelig nell’Universo. Una sorta di Star imitatrice…

Si comporta come una stella del tipo RR Lyrae, ossia un astro che varia periodicamente di luminosità, ma le sue caratteristiche, prima tra tutte la sua massa, non sono assolutamente compatibili con quella classe di stelle. Insomma, RRLYR-02792 – questa la sigla dell’oggetto celeste – può essere considerata una sorta di stella imitatrice, che è stata però ‘smascherata’ da un team internazionale di ricercatori, tra cui due astronomi italiani e dell’INAF. RRLYR-02792 avrebbe potuto continuare ad ingannare a lungo gli astronomi di tutto il mondo se per sua sfortuna l’esperimento OGLE (Optical Gravitational Lensing Experiment) non l’avesse scoperta orbitare attorno ad un’altra stella e il piano delle loro orbite si trovi esattamente disposto lungo la nostra linea di vista. Questa particolare configurazione genera infatti delle eclissi periodiche. Misurando la variazione di luminosità del sistema e il periodo di rivoluzione di RRLYR-02792 attorno alla sua compagna grazie al telescopio Magellan Clay presso l’osservatorio Las Campanas e il Very Large Telescope dell’ESO in Cile, i ricercatori sono riusciti

a misurare con grande precisione la massa di questo oggetto celeste, finora ritenuta in tutto e per tutto una tipica RR Lyrae. Con grande sorpresa degli scienziati, i risultati, che vengono pubblicati in un articolo nell’ultimo numero della rivista Nature, indicano però che RRLYR-02792 è di appena 0.26 masse solari, cioè è 2-3 volte meno massiccia delle comuni RR Lyrae, che si attestano tra le 0.6 e le 0.8 masse solari. e stelle variabili di tipo RR Lyrae, il cui nome deriva dalla prima stella di questa classe ad essere scoperta, nella costellazione della Lira, sono ottimi traccianti delle popolazioni stellari antiche con età di circa 10 miliardi di anni, sono relativamente brillanti e la loro luminosità, legata alle regolari espansioni e contrazioni della loro struttura, varia con periodi che vanno da poche ore a poco meno di un giorno. Le RR Lyrae sono anche delle ottime ‘candele campione’ che ci consentono di poter determinare con grande accuratezza le distanze cosmiche nell’Universo locale. “Per dare una spiegazione all’inattesa proprietà della massa di RRLYR-02792 abbiamo effettuato un confronto molto dettagliato tra le predizioni teoriche fornite dai modelli evolutivi e pulsazionali con le osservazioni da noi compiute” dice Giuseppe Bono, dell’Università di Roma “Tor Vergata” e associato INAF che insieme al suo collega Pier Giorgio Prada Moroni, dell’Università di Pisa e anch’egli associato INAF, ha partecipato allo studio. “Da questa analisi emerge che la stella variabile da noi analizzata presenta una struttura fisica e una storia evolutiva significativamente diversa da quelle delle comuni RR Lyrae. L’aspetto interessante, quasi al limite del bizzarro, della nuova RR Lyrae è che le sue proprietà pulsazionali (periodo, forma ed ampiezza

delle curve di luce e di velocità radiale) sono del tutto simili a quelle delle RR Lyrae canoniche, ma ha un’età intermedia pari a circa cinque miliardi di anni. In questo senso la si potrebbe definire una stella imitatrice!” e stelle RR Lyrae traggono il loro sostentamento energetico dalla combustione termonucleare di elio in carbonio e ossigeno nel loro nucleo e dalla fusione di idrogeno in elio in un sottile guscio attorno al nucleo. RRLYR-02792 ha una massa troppo piccola per ritenere che nel suo nucleo si sia attivata la fusione termonucleare dell’elio. Quindi il suo sostentamento energetico può essere fornito solo dalla fusione dell’idrogeno in elio nel sottile guscio che circonda il nucleo di elio. a come è possibile allora che questa stella, anche se poco massiccia, possa simulare così bene il comportamento di astri di taglia ben maggiore? “La simil-RR Lyrae che abbiamo studiato è ciò che resta di una stella molto più grande, che inizialmente doveva essere di circa 1.4 masse solari, a cui la compagna del sistema binario ha strappato così tanta materia da impedirle di avere una normale storia evolutiva” spiega Bono. “RRLYR-02792, secondo le nostre attuali conoscenze di evoluzione stellare, è destinata a diventare una nana bianca che si raffredderà lentamente, perdendo luminosità e quindi spegnendosi inesorabilmente nei prossimi miliardi di anni. Questo oggetto ci ha dimostrato l’esistenza di un nuovo canale per la produzione di strutture stellari che assomigliano alle stelle di piccola massa che bruciano elio, ma il cui destino evolutivo è quello di raffreddarsi come nane bianche con un nucleo di elio invece che come quelle con un nucleo di carbonio e ossigeno”. Fonte: INAF

Caro amico lettore, Good News è un progetto aperto e accetta la collaborazione di chiunque abbia voglia di far circolare novità positive.Inviaci le tue proposte (articoli, foto e video).

Segreteria Redazione Tel. 0574 442669
Promozione & Pubblicità Tel. 0574 1746090

Sostieni l’unico e-magazine dedicato alle buone notizie, facendo una donazione.

Scrivi a: buonenotizie@goodnews.ws Inserisci sul tuo sito un link al nostro www.goodnews.ws

GOODNEWS Cerca il Meglio per te

^ SHOPPING ^

Share This Post