Pianeti al forno! Arrosto di corpi Celesti…

I due pianeti sopravvissuti alla gigante rossa. Dalla loro osservazione un’anteprima di quello che potrebbe accadere alla terra tra circa 5 miliardi di anni, quando il sole terminerà il suo combustibile nucleare principale, l’idrogeno e si espandera’ fino a inglobare i pianeti piu’ interni del nostro sistema solare.Potrebbero essere definiti  ‘i due pianeti sopravvissuti’ quelli scoperti intorno a una stella che ha appena superato la fase di gigante rossa. Dopo essere stati inglobati nel suo caldissimo guscio gassoso ed essersi ulteriormente avvicinati alla stella madre, da poche decine di milioni di anni sarebbero esposti all’intenso flusso di radiazione proveniente dall’astro, che scalda la loro superficie fino a raggiungere temperature superficiali estreme per un pianeta. Questo particolare sistema planetario, individuato grazie alle osservazioni condotte dalla sonda Kepler della NASA, può aiutare a fare luce sul destino dei sistemi stellari e planetari ed essere considerato una sorta di ‘anteprima’ – seppure con alcune differenze- di quello che potrebbe accadere tra qualche miliardo di anni anche al nostro Sistema solare, quando il Sole diventerà una

gigante rossa, ed espandendosi ingloberà i pianeti più interni tra cui forse anche la Terra. Uno degli autori dell’articolo che descrive la scoperta, pubblicato nell’ultimo numero della rivista Nature, è Roberto Silvotti, dell’INAF-Osservatorio Astrofisico di Torino. I due candidati pianeti, denominati KOI 55.01 e 55.02, sono stati individuati durante l’analisi dei dati raccolti dalla missione NASA Kepler per studiare le pulsazioni della stella KIC 05807616 (dove KIC sta per Kepler Input Catalogue). Gli scienziati hanno notato la presenza di due piccole variazioni nella luminosità della stella che si ripetono con regolarità ogni 5,76 e 8,23 ore. Queste variazioni sono davvero minime: producono infatti un’alterazione che è appena lo 0,005% della luce totale emessa dalla stella. I ricercatori hanno studiato a lungo le cause di questo fenomeno, scartando via via tutte le possibilità, tra cui i moti oscillatori della stella, fino ad arrivare all’unica conclusione plausibile: la presenza di due corpi in orbita attorno a KIC 05807616. “Anche se i dati di Kepler non permettono di risalire con precisione alle caratteristiche fisiche di questi pianeti, in particolare alla loro massa e al loro raggio, l’ipotesi più probabile è che si tratti di pianeti piccoli, di dimensioni terrestri, fra i più piccoli mai rivelati attorno a una stella diversa dal nostro Sole. Fra l’altro se le masse fossero molto più grandi le orbite non sarebbero stabili” commenta Silvotti. Questi pianeti sono vicinissimi – in termini astronomici – alla loro stella madre: distano infatti da essa solo 900 mila e 1,14 milioni di chilometri, l’equivalente di 2,3 e quasi 3 volte la distanza Terra-Luna.  Se si aggiunge il fatto che la stella ha una temperatura esterna di quasi 28.000 gradi Kelvin, le zone illuminate di questi corpi

celesti potrebbero raggiungere temperature estreme, fino a 9.000 gradi Kelvin. Tali condizioni non sono mai state riscontrate tra i pianeti extrasolari finora conosciuti, e questa scoperta solleva molte domande sulla natura dei corpi celesti che sono in grado di sopravvivere a temperature simili.KOI 55.01 e 02 potrebbero essere ciò che resta di pianeti giganti di tipo gassoso, simili al nostro Giove, in orbita intorno alla stella nella sua fase evolutiva quando molto tempo fa ancora utilizzava l’idrogeno come combustibile principale, attraverso le reazioni di fusione nucleare che si sviluppavano nel suo interno. Il guscio di gas attorno a questi pianeti sarebbe stato strappato via quando la stella, entrando nella fase di gigante rossa, si è ingrandita a dismisura, andando a inglobare i due pianeti. Quello che è sopravvissuto a questa ‘immersione’ sarebbero solo i nuclei densi dei due corpi celesti, probabilmente composti da elementi pesanti come il ferro. “Questa scoperta è importante anche perché ci fa vedere come l’interazione fra una stella e i suoi pianeti più vicini possa giocare un ruolo cruciale in alcune fasi dell’evoluzione stellare” prosegue Silvotti. “Non solo i pianeti interni possono riuscire a sopravvivere perdendo il loro guscio esterno quando entrano a diretto contatto con la stella, ma anche la stella può venire fortemente influenzata da questo contatto e perdere a sua volta il suo inviluppo. Si pensa infatti che possano essere stati proprio questi due pianeti a strappare via a  KIC 05807616 il suo guscio esterno ricco di idrogeno, per formare la stella caldissima e abbastanza piccola che vediamo oggi, con  un raggio pari a circa un quinto di quello del nostro Sole”. Fonte: INAF Istituto Nazionale di Astrofisica

Caro amico lettore, Good News è un progetto aperto e accetta la collaborazione di chiunque abbia voglia di far circolare novità positive.Inviaci le tue proposte (articoli, foto e video).

Segreteria Redazione Tel. 0574 442669
Promozione & Pubblicità Tel. 0574 1746090

Sostieni l’unico e-magazine dedicato alle buone notizie, facendo una donazione.

Scrivi a: buonenotizie@goodnews.ws Inserisci sul tuo sito un link al nostro www.goodnews.ws

GOODNEWS Cerca il Meglio per te

^ SHOPPING ^

Good News, good, news, network, positive, uplifting, l’agenzia di buone notizie e ufficio comunicati stampa online di informazione alternativa e positiva, di salute naturale ecoturismo bioedilizia, agricoltura biologica, alimentazione naturale, energie alternative fantascienza, misteri, parapsicologia, lavoro etico, autoaiuto, selfhelp, webreader, sapere.it

Share This Post