Home » University News

Misteri: Scoperte nuove specie di minerali sull’Isola di Vulcano (Eolie)

Inserito da

Nell’ambito di una convenzione stipulata tra la sezione napoletana (Osservatorio Vesuviano) dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) e il Dipartimento di Chimica Strutturale e Stereochimica Inorganica dell’Università degli studi di Milano, è stato intrapreso negli ultimi cinque anni lo studio sistematico dei minerali di origine fumarolica presenti all’isola di Vulcano, in Sicilia.Grazie a questi studi, i ricercatori hanno identificato ben diciotto nuove specie mineralogiche. Un buon numero di queste è al momento esclusivo dell’isola, in quanto non rinvenuto in nessun altro posto al Mondo. Le diciotto

specie minerali scoperte dal team di studiosi (Massimo Russo dell’INGV, Italo Campostrini, Carlo Maria Gramaccioli e Francesco De Martin dell’Università di Milano), sono stati sottomessi e approvati da una Commissione dell’International Mineralogical Association (IMA), composta di mineralogisti di tutto il Mondo, che funge da organismo di controllo all’approvazione di nuovi minerali. Attualmente è documentata sull’isola la presenza di oltre cento specie mineralogiche. Dalla ricerca si evince che l’isola è la località tipo (Type Locality) per 25 specie di minerali. Negli anni passati, lo studio della chimica dei minerali avveniva con metodologie di analisi laboriose, oggi, la moderna strumentazione di analisi ha permesso, negli ultimi venti anni, di portare il numero delle nuove specie mineralogiche da 2000 a 4700. La scoperta di nuove specie di minerali su Vulcano, sono avvenute grazie a strumentazioni sofisticate, utilizzando cioè un microscopio elettronico a scansione (SEM) con analizzatore (EDS) per valutare la composizione chimica, un diffrattometro a raggi-X per polveri e per cristallo singolo (strumenti indispensabile per studiare la struttura dei minerali). Le ricerche

mineralogiche sull’Isola di Vulcano sono state pubblicate dall’AMI – Associazione Micromineralogica Italiana, in un volume dal titolo: “Vulcano – tre secoli di storia” ove oltre alla ricerca di minerali a Vulcano, si documenta dell’Isola dal 300 a.C. ad oggi.Uno degli scienziati (Massimo Russo dell’INGV) coinvolto nella pubblicazione, sarà presente alla trentatreesima Mostra di Minerali, Fossili e Conchiglie, il prossimo 10 e 11 dicembre presso l’ Ergife Palace Hotel a Roma. Fonte: Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV).  ~ L’Isola di Vulcano (comune di Lipari) è un’isola di 21 km quadrati facente parte delle Isole Eolie, è localizzata 20 km a nord della Sicilia. I residenti, 715 nel 2001, sono denominati vulcanari. Nell’età antica era chiamata Therasia poi Hiera, poiché consacrata al dio Vulcano, da li viene la sua denominazione presente. La mitologia greca su tale isola ubicava le fucine di Efesto, divinità del fuoco e fabbro che aveva per assistenti i Ciclopi. Ma è il nome che i Romani hanno stabilito al dio, Vulcano, che è stato dato all’isola. Vulcano è uno dei vulcani più conosciuti nell’area del Mediterraneo. La parola vulcano, utilizzata per i monti geologicamente attivi, deriva dal nome di questa isola. N.d.R.

Caro amico lettore, Good News è un progetto aperto e accetta la collaborazione di chiunque abbia voglia di far circolare novità positive.Inviaci le tue proposte (articoli, foto e video).

Segreteria Redazione Tel. 0574 442669
Promozione & Pubblicità Tel. 0574 1746090

Sostieni l’unico e-magazine dedicato alle buone notizie, facendo una donazione.

Scrivi a: buonenotizie@goodnews.ws Inserisci sul tuo sito un link al nostro www.goodnews.ws

GOODNEWS Cerca il Meglio per te

^ SHOPPING ^

Good News, good, news, network, positive, uplifting, l’agenzia di buone notizie e ufficio comunicati stampa online di informazione alternativa e positiva, di salute naturale ecoturismo bioedilizia, agricoltura biologica, alimentazione naturale, energie alternative fantascienza, misteri, parapsicologia, lavoro etico, autoaiuto, selfhelp, webreader, sapere.it