Home » GoodPeople

Tigri in Indonesia – fotografate 5 specie rare

Inserito da

Cinque rare specie di felini fotografate a Sumatra. Aziende e autorità salvino le foreste habitat indispensabile. Dopo che ben cinque delle sette specie di felini scoperte sull’isola indonesiana di Sumatra sono state recentemente catturate dalla macchina fotografica in una delle ultime lussureggianti foreste dell’isola,  minacciate seriamente dal rischio di deforestazione, il WWF esorta aziende e  autorità a prendere misure immediate per salvare quest’area di grande valore. Condotta in una foresta ancora ricca di biodiversità conosciuta come Bukit Tigapuluh o Trenta Hills, l’indagine del WWF ha catturato negli ultimi mesi, grazie all’uso di moderne fotocamere, il  passaggio della tigre di Sumatra, del leopardo nebuloso,  del gatto marmorizzato, del gatto dorato asiatico e del gatto  leopardo, alcune delle

specie di felini più minacciate in Indonesia e tra le più spettacolari al mondo.  Tutti i  felini sono stati fotografati in un corridoio di foresta ancora bosco non protetto che rappresenta un corridoio naturale che collega la foresta di Bukit Tigapuluh e la Rimbang balle santuario della fauna selvatica in provincia di Riau. L’area forestale interessata da questa indagine è seriamente minacciata dall’ invasione della speculazione industriale per lo sfruttamento del legname di queste foreste e la loro sostituzione con le sterili piantagioni industriali di palma da olio o acacie per la produzione di carta.  “Quattro di queste specie sono protette dal  governo indonesiano e sono classificate come minacciate di estinzione nella Lista Rossa IUCN”  ha detto Karmila Parakkasi, coordinatore del WWF Indonesia Research Team Tiger. “Questo sottolinea la ricca biodiversità del paesaggio Bukit Tigapuluh e l’importanza di questi corridoi di foresta che collegano le diverse zone di di foresta ancora integre. La tigre è una delle specie più a rischio di estinzione e queste indagini ci confermano ciò che potremmo irrimediabilmente perdere se tali ambienti venissero cancellati dalla sempre più invadente industria “. Nel corso di un campionamento sistematico durato tre mesi le fotocamere hanno catturato  404 foto di gatti selvatici, tra cui 226 di tigri di Sumatra, il 77 di leopardo nebuloso, il 70 di gatto dorato asiatico, 4 gatto marmorizzato e 27 di gatto leopardo. Nel

maggio 2011 il WWF Indonesia ha pubblicato il video registrato da una trappola fotografica che mostrava tre giovani di tigre che allegramente inseguivano una foglia. Questo filmato è stato preso nella stessa area dove poi si è registrata la presenza anche del gatto selvatico. “Purtroppo gran parte della superficie forestale naturale di Sumatra è già stata cancellata negli ultimi decenni e le foreste rimaste sono gravemente minacciate dall’avanzata, spesso illegale e inarrestabile dell’industria della cellulosa e della carta, così come dall’espansione dei fenomeni di deforestazione selvaggia per lo sviluppo di piantagioni di palma da olio. Prodotti sempre più richiesti dai nostri mercati che così alimentano irresponsabilmente la distruzione di questo patrimonio di biodiversità di inestimabile valore e unico al mondo”, ha dichiarato Massimiliano Rocco Responsabile del Programma Specie e Foreste del WWF Italia. “Le prove documentate della presenza di queste cinque specie di felini suggeriscono  che le licenze di concessione rilasciate troppo facilmente alle imprese che operano in queste aree, come ad esempio Barito Pacifico, dovrebbero  essere ridiscusse secondo quelle stesse norme emanate dal ministero competente indonesiano, nelle quali difatti si afferma che quelle aree forestali, anche se date in concessione, nelle quali si registra la presenza di specie a rischio dovrebbero essere

protette.” continua Rocco.  Il WWF Indonesia ha pertanto richiesto, dopo avere documentando tutto questo, che si emanino puntuali norme per la protezione delle zone di foresta confinanti con il Bukit Tigapuluh National Park, sia ampliando il parco che promuovendo una attenta gestione di queste foreste primarie o aree di foresta secondaria anche valorizzandone l’attuale regime di restaurazione dell’ecosistema forestale. Ciò anche in base a quanto detto lo scorso 2 novembre, in un evento organizzato dal WWF a Jakarta, dal ministro indonesiano delle Foreste, Zulkifli Hasan, che ha dichiarato pubblicamente il suo sostegno per il rilascio di una licenza per un sistema di recupero degli ecosistemi forestali in Bukit Tigapuluh.  Bukit Tigapuluh è designata come area prioritaria per la conservazione della tigre, ed è uno dei sei paesaggi forestali per la tigre che il governo indonesiano si è impegnato a proteggere l”anno scorso al Forum Internazionale sulla Tigre tenutosi a  San Pietroburgo alla presenza di molti leader mondiali. Per quanto riguarda l’Italia, grande importatore di legname tropicale anche dall’Indonesia,  il WWF  sta promuovendo un dibattito sulla gestione sostenibile delle foreste, attraverso strumenti come la piattaforma web “Imprese per le Foreste” dedicata al tema della gestione forestale sostenibile perché anche le aziende del settore legno possono fare molto in questo campo.  – Lo  scopo  finale  del WWF  è   contribuire a  costruire un futuro in cui l’umanità possa vivere in armonia con la natura.  Fonte: WWF

Caro amico lettore, Good News è un progetto aperto e accetta la collaborazione di chiunque abbia voglia di far circolare novità positive.Inviaci le tue proposte (articoli, foto e video).

Segreteria Redazione Tel. 0574 442669
Promozione & Pubblicità Tel. 0574 1746090

Sostieni l’unico e-magazine dedicato alle buone notizie, facendo una donazione.

Scrivi a: buonenotizie@goodnews.ws Inserisci sul tuo sito un link al nostro www.goodnews.ws

GOODNEWS Cerca il Meglio per te

^ SHOPPING ^

Good News, good, news, network, positive, uplifting, l’agenzia di buone notizie e ufficio comunicati stampa online di informazione alternativa e positiva, di salute naturale ecoturismo bioedilizia, agricoltura biologica, alimentazione naturale, energie alternative fantascienza, misteri, parapsicologia, lavoro etico, autoaiuto, selfhelp, webreader, sapere.it