Jean Béliveau ha fatto il Giro del mondo a piedi: 11 anni per 75 mila km

75mila km in 11 anni, riappare a casa l’essere umano che ha fatto la circonvoluzione del mondo camminando. Jean Beliveau, adesso 56enne, ha abbandonato Montreal allontanandosi dalla sua compagna e due ragazzi maggiorenni, il giorno del suo 45esimo compleanno, il 18 agosto 2000, in seguito alla rovina della sua piccola azienda d’insegne luminose. Oltre 11 anni, 75mila chilometri, 64 nazioni e 53 paia di calzature, il canadese Jean Beliveau il 16 ottobre è tornato a casa, stabilendo la camminata più lunga del mondo. La sua consorte, Luce Archambault, l’ha incoraggiato per tutta la durata della sua vicenda, realizzando perfino un sito web (wwwalk.org) per raccontare in specifico le passeggiate. In oltre 11 anni, ha oltrepassato aree desertiche e catene di monti, sfamandosi di quello che gli donava il posto e facendo proprie le tradizioni e il sapere del luogo che percorreva. Ha ingerito cibo di vario genere, insetti in Africa, e serpenti in Cina, ha infilato il classico turbante in Sudan, e nelle Filippine era protetto da alcuni militari.  – Vedi anche:Passi verso la Pace Interiore ~ Mildred Lisette Norman alias Peace PilgrimN.D.R.

Caro amico lettore, Good News è un progetto aperto e accetta la collaborazione di chiunque abbia voglia di far circolare novità positive.Inviaci le tue proposte (articoli, foto e video).

Segreteria Redazione Tel. 0574 442669
Promozione & Pubblicità Tel. 0574 1746090

Sostieni l’unico e-magazine dedicato alle buone notizie, facendo una donazione.

Scrivi a: buonenotizie@goodnews.ws Inserisci sul tuo sito un link al nostro www.goodnews.ws

GOODNEWS Cerca il Meglio per te

^ SHOPPING ^

Good News, good, news, network, positive, uplifting, l’agenzia di buone notizie e ufficio comunicati stampa online di informazione alternativa e positiva, di salute naturale ecoturismo bioedilizia, agricoltura biologica, alimentazione naturale, energie alternative fantascienza, misteri, parapsicologia, lavoro etico, autoaiuto, selfhelp, webreader, sapere.it

Share This Post