Birra italiana conquista pub inglesi (+37% export.)

Storica conquista della birra italiana nei pub inglesi con un aumento record del 37 per cento nelle quantità esportate in Gran Bretagna dove è diretta oltre la metà della produzione Made in Italy spedita all’estero. E’ quanto emerge da un’analisi della Coldiretti sulle esportazioni di birra italiana nel primo trimestre del 2011 che evidenzia una sorprendente performance in Paesi fortemente nazionalisti nei consumi e tradizionalmente attenti alla qualità della bevanda. Le performance della birra italiana – sottolinea la Coldiretti – sono brillanti anche oltreoceano con un aumento del 39 per cento delle esportazioni negli Stati Uniti che sono il più grande consumatore mondiale. Il risultato per

l’agroalimentare Made in Italy – precisa la Coldiretti – è un aumento complessivo in quantità del 16 per cento delle esportazioni mondiali di birra italiana. All’invasione italiana resiste, infatti, la Germania che resta chiusa ai prodotti stranieri e molto legata alla propria birra. Si tratta – sostiene la Coldiretti – degli effetti di un processo di qualificazione nella produzione avvenuto negli ultimi anni che ha assicurato un crescente, successo nei consumi in Italia e all’estero. In Italia beve birra più o meno saltuariamente il 72 per cento dei consumatori soprattutto tra i giovani e le donne con un allargamento della base dei consumatori e una media annuale dei consumi per persona che si attesta attorno ai 28,5 litri l’anno, secondo una ricerca dell’Ispo. Da segnalare è soprattutto – continua la Coldiretti – la crescente diffusione sul territorio nazionale di produzioni locali ottenute artigianalmente che incontrano i gusti di una fascia consistente di giovani consumatori. A cogliere quest’opportunità sono stati molti imprenditori agricoli, un recente decreto ministeriale (212/2010) permette alle aziende produttrici la materia prima (l’orzo) di creare una malteria o un birrificio aziendale e di considerare la produzione di questa bevanda (e del malto) attività agricola connessa. Per la produzione di birra servono varietà specifiche di orzo che si stanno diffondendo nelle campagne insieme a numerosi “birrifici agricoli” a chilometri zero. Fonte: Confederazione Nazionale Coltivatori Diretti

Caro amico lettore, Good News è un progetto aperto e accetta la collaborazione di chiunque abbia voglia di far circolare novità positive.Inviaci le tue proposte (articoli, foto e video).

Segreteria Redazione Tel. 0574 442669
Promozione & Pubblicità Tel. 0574 1746090

Sostieni l’unico e-magazine dedicato alle buone notizie, facendo una donazione.


Scrivi a: buonenotizie@goodnews.ws Inserisci sul tuo sito un link al nostro www.goodnews.ws

GOODNEWS Cerca il Meglio per te

 

^ SHOPPING ^

Good News, good, news, network, positive, uplifting, l’agenzia di buone notizie e ufficio comunicati stampa online di informazione alternativa e positiva, di salute naturale ecoturismo bioedilizia, agricoltura biologica, alimentazione naturale, energie alternative fantascienza, misteri, parapsicologia, lavoro etico, autoaiuto, selfhelp, webreader, sapere.it,

Share This Post