Zanzara tigre spiata dal satellite, ecco la mappa trentina

Pubblicata su PlosOne la ricerca che individua le aree più adatte alla vita della zanzara tìgre.  La valle dell’Adige, la Valle dei Laghi, la zona nei pressi del lago d’Idro e quella più meridionale della Valsugana sono le aree climatiche più favorevoli alla presenza della zanzara tigre. Lo dice una ricerca pubblicata sulla rivista scientifica PlosOne, condotta dai ricercatori dell’Istituto Agrario di San Michele all’Adige che

hanno utilizzato i dati di temperatura del suolo rilevati dai satelliti per individuare sul territorio trentino le zone idonee all’insediamento. Gli autori della pubblicazione, Markus Neteler, David Roiz, Cristina Castellani, Annapaola Rizzoli, Daniele Arnoldi, hanno messo a punto una metodologia  di analisi all’avanguardia ed elaborando più di 11 mila dati hanno creato una mappa di distribuzione potenziale di questo insetto dannoso originario del sudest asiatico che negli ultimi anni si è espanso notevolmente in tutta Europa. “Il metodo ha riguardato la zanzara tigre – spiegano i ricercatori del Centro ricerca e innovazione- ma è applicabile anche per studiare  altri insetti pericolosi per l’uomo come le zecche, basta conoscere i parametri climatici che ne regolano le esigenze ecologiche”. La mappa prodotta potrà fungere da supporto per le azioni gestionali di monitoraggio, controllo e prevenzione della specie attuate delle amministrazioni locali. Sapere in anticipo quali sono le

zone più a rischio può costituire un grosso vantaggio per coloro che si devono preoccupare di contenere l’avanzata di questo insetto. La rivista su cui è stato pubblicato l’articolo è ad accesso libero, consultabile online all’indirizzo: Click < Foto : in colore le aree in Trentino dove le condizioni climatiche sono favorevoli alla presenza della zanzara tigre (secondo i criteri di T media di gennaio >= 0°C e T media annuale >= 11°C). In arancio le aree dove tutti i fattori ambientali sono favorevoli alla sua presenza (popolazioni stabili e durature nel tempo), in giallo le aree dove solo una parte di essi è favorevole (popolazioni con  probabili fluttuazioni nel tempo e di densità. Le aree prive di colore non presentano condizioni climatiche idonee alla sopravvivenza della specie. Fonte: IASMA – Istituto Agrario San Michele all’Adige.

Caro amico lettore, Good News è un progetto aperto e accetta la collaborazione di chiunque abbia voglia di far circolare novità positive.Inviaci le tue proposte (articoli, foto e video).

Segreteria Redazione Tel. 0574 442669
Promozione & Pubblicità Tel. 0574 1746090

Sostieni l’unico e-magazine dedicato alle buone notizie, facendo una donazione.


Scrivi a: buonenotizie@goodnews.ws Inserisci sul tuo sito un link al nostro www.goodnews.ws

GOODNEWS Cerca il Meglio per te

 

^ SHOPPING ^

Good News, good, news, network, positive, uplifting, l’agenzia di buone notizie e ufficio comunicati stampa online di informazione alternativa e positiva, di salute naturale ecoturismo bioedilizia, agricoltura biologica, alimentazione naturale, energie alternative fantascienza, misteri, parapsicologia, lavoro etico, autoaiuto, selfhelp, webreader, sapere.it,

Share This Post