Home » BioSalute

Incrociare le Braccia Riduce il Dolore

Inserito da

Incrociare le braccia riduce la percezione del dolore. È il risultato di uno studio condotto da un team di ricercatori dell’Università degli Studi di Milano-Bicocca e della University College London e pubblicato sulla rivista Pain .È noto che la capacità di localizzare gli stimoli è fondamentale per la sopravvivenza (e ancora di più lo è per gli stimoli dolorosi). Tuttavia, a causa di un conflitto che si crea tra due sistemi di riferimento spaziali diversi del cervello, tale capacità è in parte ridotta quando le braccia sono incrociate tra loro. Il risultato di tale conflitto è una diminuzione nella percezione del dolore. La scoperta potrà avere applicazioni nell’ambito della terapia del dolore, in particolare nei soggetti affetti da dolori cronici. È stato infatti scoperto che il cervello a causa della difficoltà nel localizzare uno stimolo quando le braccia sono incrociate percepisce lo stimolo dolorifico sulle mani come meno intenso. L’esperimento è stato condotto su venti volontari sani utilizzando delle stimolazioni laser che causavano un dolore simile ad una puntura.La registrazione del dolore è stata fatta in due modi: tramite la misurazione dell’attività elettrica celebrare generata dagli stimoli e tramite delle valutazioni soggettive espresse dai volontari, utilizzando una scala di intensità  da zero a cento. È  emerso che tutti i soggetti coinvolti nell’esperimento hanno percepito gli stimoli come meno dolorosi quando le braccia erano incrociate rispetto a quando erano parallele. Inoltre, a braccia incrociate è risultato che l’attività elettrica corticale generata dagli stimoli era ridotta. La

notizia dello studio, condotto da Alberto Gallace – del Dipartimento di Psicologia dell’Università degli Studi di Milano-Bicocca – in collaborazione con un team di ricerca internazionale, è stata rilanciata questa mattina anche sul sito della BBCNEWS .«I risultati di questo studio sembrerebbero suggerire che queste metodiche possano essere utilizzate con successo nell’ambito della terapia del dolore. Il nostro studio ha infatti messo in luce che confondere il cervello sulla localizzazione degli stimoli dolorosi ne attenua l’intensità. Tale riduzione non riguarda l’attività di aree sensoriali primarie, che si occupano soltanto di elaborare stimoli tattili o dolorosi, ma piuttosto le attività corticali di più alto livello (multisensoriali) – spiega Alberto Gallace, ricercatore di Psicobiologia dell’Università degli Studi di Milano-Bicocca e primo firmatario dello studio-.  Il nostro team sta già conducendo in alcune strutture ospedaliere di Adelaide, in Australia, degli esperimenti in pazienti affetti da dolori cronici». Dott. Alberto Gallace Ricercatore in psicobiologia presso la Facoltà di Psicologia dell’Università di Milano-Bicocca. Aree di ricerca: Rappresentazione dello Spazio – Spatial Representation. Integrazione multisensoriale – Multisensory Integration. Percezione tattile – Tactile perception. Interfacce tattili – Tactile interfaces. Rappresentazione corporea – Body representation. Virtual reality and Sensory Substitution Systems. Riabilitazione di deficit spaziali – Neurological rehabilitation of spatial disorders. Fonte: Università degli Studi di Milano-Bicocca

Caro amico lettore, Good News è un progetto aperto e accetta la collaborazione di chiunque abbia voglia di far circolare novità positive.Inviaci le tue proposte (articoli, foto e video).

Segreteria Redazione Tel. 0574 442669
Promozione & Pubblicità Tel. 0574 1746090

Sostieni l’unico e-magazine dedicato alle buone notizie, facendo una donazione.


Scrivi a: buonenotizie@goodnews.ws Inserisci sul tuo sito un link al nostro www.goodnews.ws

GOODNEWS Cerca il Meglio per te

 

^ SHOPPING ^

Good News, good, news, network, positive, uplifting, l’agenzia di buone notizie e ufficio comunicati stampa online di informazione alternativa e positiva, di salute naturale ecoturismo bioedilizia, agricoltura biologica, alimentazione naturale, energie alternative fantascienza, misteri, parapsicologia, lavoro etico, autoaiuto, selfhelp, webreader, sapere.it,