Home » BioSalute

Basta scuse… Torna ad Amare!

Inserito da

Presentata a Milano “Basta Scuse”. La nuova campagna informativa sulla disfunzione erettile. Per la prima volta sotto l’egida di SIA, SIAMS e SIU.Un’alleanza a tutto campo contro la Disfunzione Erettile, patologia che in Italia riguarda oltre 3 milioni e mezzo di uomini, con una prevalenza di un maschio adulto su 8. Per la prima volta, infatti, tutte le tre grandi società scientifiche italiane coinvolte nella promozione della salute maschile e del benessere sessuale della coppia – SIA (Società Italiana di Andrologia), SIAMS (Società Italiana di Andrologia e Medicina della Sessualità) e SIU (Società Italiana di Urologia) – sono impegnate nella diffusione di una sempre più ampia cultura della prevenzione della DE, nell’ambito della campagna internazionale “Basta Scuse”. La campagna, che oltre all’Italia interessa altri 13 Paesi europei (Spagna, Francia, Inghilterra, Portogallo, Belgio, Svezia, Svizzera, Paesi Bassi, Romania, Polonia, Repubblica Ceca, Finlandia e Austria), si svolge con il contributo incondizionato di Eli Lilly e ha come obiettivo principale quello di sensibilizzare gli uomini, tra i 40 e 70 anni e con sintomi di DE, a non accettare come inevitabili le proprie difficoltà sessuali, trincerandosi dietro improbabili scuse per non affrontare il problema e non rivolgersi al medico. Ma quali sono le

scuse più comuni degli uomini italiani in fatto di DE? A farne un quadro preciso ci ha pensato l’ISPO che lo ha chiesto a 300 italiani tra i 30 e i 70 anni che, nella propria vita,  abbiano riscontrato almeno un episodio di DE. A questo proposito, la scusa preferita per un italiano su 2 è lo stress della vita quotidiana (52%), seguito da stanchezza e ansia da prestazione (38%) e dalla mancata intesa con la partner sessuale (27%). Meno citate, come giustificazioni per eventuali defaillance, l’eccesso di alcol, l’alimentazione sregolata e la preoccupazione per la propria salute. «Da ciò si evince come i maschi italiani tendano a motivare i propri, eventuali,  problemi di erezione con giustificazioni di tipo psicologico – spiega il prof. Renato Mannheimer, Presidente ISPO – piuttosto che riconoscere alcuni, possibili, errori comportamentali. Che sarebbe come dire: la colpa del mio problema non è riferibile a qualcosa di concreto, e proprio per questo faccio più fatica a rivolgermi ad un medico!» Ma, è un dato di fatto, la Disfunzione Erettile non ha bisogno di scuse. Ha bisogno di cure. «La DE, e non soltanto del maschio italiano, è ancora un tabù che è sempre più necessario sfatare – chiarisce il prof. Vincenzo Gentile, Presidente SIA – dato che, per un uomo su 7, può trattarsi del primo campanello d’allarme per altre patologie, quali le malattie cardiovascolari e il diabete. Negli scorsi anni, nel nostro Paese, abbiamo fatto importanti passi avanti per sensibilizzare gli uomini a proposito dell’importanza di rivolgersi tempestivamente, e con fiducia, ad uno specialista, e già 300.000 potenziali pazienti hanno deciso di non trovare più scuse ed affrontare seriamente il loro problema di deficit dell’erezione. Il peggior nemico del benessere sessuale dell’uomo è, infatti, il

silenzio. Ecco perché dobbiamo continuare a parlare al ‘sommerso’ di questa patologia, aiutando a vincere le reticenze che ancora riguardano la sessualità maschile, e più in generale lo stato di salute dell’uomo. Informando correttamente sulle possibili cause della DE, ma anche su tutte le soluzioni efficaci per recuperare una normale funzione sessuale a disposizione degli specialisti». Proprio per raggiungere questo ‘sommerso’ sono tante le iniziative previste nell’ambito della campagna “Basta Scuse”, a iniziare da un “truck tour” che, dal 4 all’11 giugno, girerà l’Italia, sostando nelle piazze di 8 città per offrire, direttamente in loco, consulenze personali gratuite. «Si tratta di un T.I.R. concepito come un vero e proprio studio medico itinerante – precisa il prof. Carlo Foresta, Presidente eletto SIAMS – per una prima consulenza mirata al problema, per l’uomo e per la coppia. Allestito con 2 salette per la consultazione e una sala d’aspetto per gli  ospiti, a bordo del truck saranno a disposizione uno specialista, un infermiere e due steward di supporto, che agiranno sia attraverso il consulto medico, sia attraverso la diffusione  di materiale informativo relativo alla patologia. Proprio perché molti uomini tardano a parlare con il loro medico di disfunzione erettile, anche se si tratta di una patologia molto diffusa, sappiamo che il ruolo dello specialista è fondamentale per individuare i soggetti a rischio, incoraggiarli al dialogo, consigliare loro di sottoporsi agli esami del caso, per poi aiutarli a trovare la

soluzione giusta per riconquistare una vita amorosa completa e appagante. Per questo, in occasione del lancio della nuova campagna “Basta Scuse”, abbiamo voluto portare gli specialisti direttamente a contatto con i potenziali pazienti, nelle piazze di 8 importanti città, quali Palermo, Napoli, Bari, Roma, Firenze, Milano, Torino e Verona». In presenza di un deficit dell’erezione, l’uomo tende a rinchiudersi in sé stesso, trincerandosi dietro a scuse o creandosi delle giustificazioni che possano essere un’alternativa alla visita medica e perdendo, così, del tempo prezioso per  arrivare alla soluzione del problema. Si calcola, infatti, che ogni potenziale paziente impieghi circa 2 anni prima di rivolgersi ad un medico. «Solo lo specialista può approfondire gli aspetti clinici di un deficit dell’erezione – spiega il prof. Vincenzo Mirone, Segretario Generale SIU – indicando se le cause della DE siano di natura fisica, psicologica o una combinazione di entrambe. Va ricordato che la DE non sempre è dettata da stanchezza e stress, ma più spesso di quanto si pensi essa è causata da problemi di salute che insorgono con l’età, come ad esempio il diabete e l’ipertensione. Oppure la Disfunzione Erettile può essere dovuta ad altre cause, quale l’effetto collaterale dell’assunzione di alcuni farmaci, come antidepressivi, antipertensivi e diuretici. Diventa, quindi, fondamentale parlarne quanto prima con uno specialista, che potrà rassicurare il paziente spiegando che, nella maggior parte dei casi, la DE può essere efficacemente curata». Grazie alla sinergia di SIA, SIAMS e SIU, chiamando il Numero Verde 800.36.36.77 dalle ore 08.00 alle 20.00 di sabato 12 e domenica 13 giugno, sarà possibile prenotare, in tutta Italia, una visita gratuita con uno specialista delle Società Scientifiche coinvolte. La DE non è un problema solo maschile, ma della coppia. E le donne hanno acquisito sempre maggiore consapevolezza di poter svolgere un ruolo fondamentale nell’aiutare il proprio compagno ad affrontare, con la giusta prospettiva, una patologia così diffusa. Anche per loro, il nuovo sito della campagna: bastascuse.it potrà essere un’utile ed esaustiva fonte d’informazione sulla patologia e sull’importanza di affrontare seriamente il problema.

Caro amico lettore, Good News è un progetto aperto e accetta la collaborazione di chiunque abbia voglia di far circolare novità positive.Inviaci le tue proposte (articoli, foto e video).

Segreteria Redazione Tel. 0574 442669
Promozione & Pubblicità Tel. 0574 1746090

Sostieni l’unico e-magazine dedicato alle buone notizie, facendo una donazione.


Scrivi a: buonenotizie@goodnews.ws Inserisci sul tuo sito un link al nostro www.goodnews.ws

GOODNEWS Cerca il Meglio per te

 

^ SHOPPING ^

Good News, good, news, network, positive, uplifting, l’agenzia di buone notizie e ufficio comunicati stampa online di informazione alternativa e positiva, di salute naturale ecoturismo bioedilizia, agricoltura biologica, alimentazione naturale, energie alternative fantascienza, misteri, parapsicologia, lavoro etico, autoaiuto, selfhelp, webreader, sapere.it,