La dieta a elevato tenore di proteine è il segreto per perdere peso

Alcuni ricercatori finanziati dall’UE hanno fatto una scoperta interessante su quel che serve per perdere peso. Bisognerebbe mantenere una dieta ad alto contenuto di proteine con molta carne magra, latticini magri e fagioli e mangiare meno calorie provenienti da amidi finemente raffinati, come pane bianco e riso bianco; è quanto affermano i ricercatori dell’Università di Copenaghen, in Danimarca. Lo studio, il più ampio al mondo condotto sulla dieta, è stato in parte finanziato dall’UE con 15 Mio EUR. I risultati sono pubblicati nel New England Journal of Medicine. I ricercatori dello studio randomizzato su larga scala, chiamato Diogenes, hanno studiato la dieta ottimale per prevenire e curare l’obesità. Gli scienziati, coordinati dalla Facoltà di Scienze della vita (LIFE) dell’Università di Copenaghen, hanno confrontato le raccomandazioni dietetiche ufficiali in Europa con una dieta basata sulle più recenti conoscenze riguardo l’importanza delle proteine e dei carboidrati per la regolazione dell’appetito. Quasi 800 famiglie europee hanno partecipato allo studio, tra cui 938 adulti e 827 bambini. Gli adulti sovrappeso hanno inizialmente seguito una dieta di 800 kilocalorie (kcal) al giorno per 8 settimane e

hanno perso in media 11 chilogrammi (kg). I ricercatori hanno quindi assegnato casualmente i partecipanti a uno dei cinque tipi di diete diverse a basso contenuto di grassi per sei mesi per testare il tipo di dieta più efficace per evitare di riprendere i chili persi. I cinque tipi di dieta testati consistevano in una dieta a basso contenuto di proteine con un indice glicemico alto (IG); una dieta a basso contenuto di proteine e un IG basso; una dieta ad alto contenuto di proteine e un IG basso; una dieta ad alto contenuto di proteine e un IG alto; e un gruppo di controllo che ha seguito le attuali raccomandazioni dietetiche. L’IG è una misura della capacità dei carboidrati di aumentare i livelli di glucosio nel sangue quando vengono assorbiti dal corpo. Gli alimenti con un basso indice glicemico fanno aumentare i livelli di glucosio nel sangue più lentamente in confronto agli alimenti ad alto contenuto di carboidrati e con un indice glicemico alto. Aumenti notevoli del glucosio nel sangue danno origine a diversi potenziali effetti indesiderati che possono influenzare il metabolismo del corpo e le nostre prestazioni mentali, dicono i ricercatori. Hanno spiegato che l’IG si applica agli alimenti che contengono carboidrati; le persone a dieta venivano incoraggiate a consumare alcuni tipi di frutta, come mele, pere, arance, lamponi e fragole liberamente, ma a limitare l’assunzione di altri tipi di frutta, come banane, uva, kiwi, ananas e melone. Potevano mangiare la maggior parte della verdura, fatta eccezione per il mais, che era limitato, e dovevano scegliere alimenti a base di cereali integrali. Inoltre è stato loro consigliato di cucinare le patate il meno possibile – se possibile dovevano essere novelle e mangiate fredde e di evitare il purè di patate e le patate al forno. I ricercatori hanno aggiunto che i pasti dovevano essere accompagnati da acqua o latte a basso contenuto di grassi. “Non

c’è niente di speciale in questa dieta” tranne certe limitazioni, speciali istruzioni su come cucinare gli alimenti e il fatto che alcune verdure dovrebbero essere mangiate crude, sottolineano. “La dieta è in generale conforme alle raccomandazioni ufficiali di mangiare molta frutta e verdura, cibi a basso contenuto di grasso, molte fibre e di limitare l’assunzione di zucchero.” Alla fine dei sei mesi, la media dei chili ripresi tra tutti i partecipanti era di 0,5 Kg ma, tra i partecipanti che hanno completato lo studio, quelli del gruppo che ha seguito la dieta con basso contenuto di proteine e alto IG hanno mostrato i risultati più scarsi ingrassando di 1,67 kg. La ripresa del peso era di 0,93 kg in meno per i partecipanti che seguivano la dieta ad alto contenuto di proteine rispetto a quelli la cui dieta aveva un basso contenuto di proteine e 0,95 kg in meno nei gruppi con un IG basso rispetto ai gruppi con un IG alto. Tra i bambini, che hanno seguito la stessa dieta dei loro genitori, i ricercatori hanno notato che nel gruppo che ha mantenuto un alto livello di proteine e un IG basso la prevalenza di bambini sovrappeso è scesa spontaneamente dal 46% circa al 39%, una diminuzione di circa il 15%. Gli scienziati concludono che le attuali raccomandazioni dietetiche non sono ottimali per prevenire l’aumento di peso tra le persone sovrappeso e che una dieta consistente in un contenuto di proteine di poco maggiore e cibi a basso IG sembra essere più facile da seguire. Questo aiuterebbe a far si che le persone sovrappeso che sono dimagrite mantengano il peso raggiunto. Per maggiori informazioni, visitare: Università di Copenaghen –  New England Journal of Medicine. Fonte : CORDIS servizio di informazione comunitario in materia di ricerca e sviluppo per la scienza.

Caro amico lettore, Good News è un progetto aperto e accetta la collaborazione di chiunque abbia voglia di far circolare novità positive.

 

Inviaci le tue proposte (articoli, vignette, foto e video divertenti).

Sostieni l’unico e-magazine dedicato alle buone notizie, facendo una donazione.


 

Scrivi a: buonenotizie@goodnews.ws Inserisci sul tuo sito un link al nostro www.goodnews.ws

GOODNEWS Cerca il Meglio per te

^ SHOPPING ^

Good News, good, news, network, positive, uplifting, l’agenzia di buone notizie e ufficio comunicati stampa online di informazione alternativa e positiva, di salute naturale ecoturismo bioedilizia, agricoltura biologica, alimentazione naturale, energie alternative fantascienza, misteri, parapsicologia, lavoro etico, autoaiuto, selfhelp, webreader, sapere.it,

Share This Post