Per le Decisioni Importanti ci vuole il Cervello “Antico”

Il sub talamo, piccola ed antica struttura anatomica, che l’uomo ha in comune  con    moscerini, rane ed uccelli, è implicato nei processi decisionali che generano conflitto.  Gli studi degli ultimi anni sui meccanismi neurologici sottostanti ai processi decisionali   concordano sul fatto   che  siano   le   parti meno   antiche   del   cervello   (come   la   corteccia cerebrale) ad essere coinvolte in questo complesso processo. Questa, però, è solo una parte della verità, come dimostrano dati molto recenti. Uno studio, appena pubblicato on line sulla rivista  Social Neuroscience, condotto da ricercatori (neurologi, psicologi, neurochirurghi, ingegneri) dell’Università di Milano e della Fondazione IRCCS Ca’ Granda Ospedale Maggiore Policlinico, guidati dal professor Alberto Priori, in collaborazione con la Fondazione IRCCS Istituto Neurologico Carlo Besta di Milano, l’IRCCSGaleazzi di Milano e  l’IRCCS  Istituto  Neurologico

Mondino  di  Pavia,  ha   dimostrato   che   nelle  profondità   del   cervello umano vi è una piccola ed antica struttura anatomica (che l’uomo ha in comune con i  moscerini, le rane e gli uccelli) chiamata subtalamo, grande come una lenticchia, che è implicata nei processi decisionali e che si attiva in particolare quando l’individuo deve prendere decisioni importanti nella vita che generano un conflitto. Lo   studio  è   stato  condotto   su   16   pazienti  nei   quali,   per   altre   patologie,   erano   stati   impiantati elettrodi millimetrici all’interno del cervello, che hanno consentito di registrare l’attività dei neuroni nel soggetto sveglio  mentre eseguiva dei test  in un laboratorio di psicologia sperimentale. Nello specifico, il gruppo di ricerca si è proposto di studiare in che modo il subtalamo è coinvolto nelle decisioni   morali   conflittuali,   e   quindi   che   ruolo   svolge   nell’orientare   e   guidare   il   nostro  comportamento nei suoi aspetti più rilevanti da un punto di vista sociale e relazionale con i nostri simili. Ai   pazienti   venivano     presentate   sullo   schermo   di   un   computer      delle   frasi,  alcune   neutre   (ad esempio, Il sonno è un elemento necessario alla vita; Il violino è il più piccolo strumento ad arco),  altre morali non conflittuali (ad esempio, Tutti gli uomini hanno il diritto di vivere; I malati hanno il diritto di essere curati) e altre morali conflittuali (ad esempio, Alcuni reati devono essere puniti con la pena di morte, L’aborto è ammissibile quando il feto è malato) e veniva

richiesto al paziente di esprimere   il   proprio   accordo   o   disaccordo.  Durante  l’esecuzione  del compito,  dagli   elettrodi   in profondità veniva registrata l’attività elettrica del subtalamo. I risultati hanno dimostrato che il subtalamo  si   attiva  specificamente   durante   la   lettura   e   la   valutazione   delle   frasi   morali conflittuali e che quindi è importante per le decisioni conflittuali. “I   risultati   di   questi   esperimenti  –  spiega   la  dottoressa   Manuela  Fumagalli,   ricercatrice   presso l’UO di Neurofisiologia della Fondazione IRCCS  Ca’ Granda Policlinico,  che ha  preso parte allo studio – dimostrano per la prima volta il ruolo del subtalamo nei processi decisionali che generano un conflitto. Tutto ciò, oltre ad essere importante per la comprensione neurofisiologica dei processi decisionali,    è   rilevante   per  sviluppare   nuovi   approcci   terapeutici   a   disturbi   come   lo   shopping compulsivo,  il  gioco  d’azzardo  patologico,  l’ipersessualità.  Così   come   per  studiare   più   a   fondo l’eventuale capacità decisionale in pazienti con ampie lesioni della corteccia cerebrale”.  Milano, Ottobre 2010. Per informazioni: Fondazione Ca’ Granda Ospedale Maggiore Policlinico – Ufficio Comunicazione Valentina Regonesi – Metafora – Sergio Vicario – Ufficio Stampa – Facoltà  Medicina e Chirurgia – Unimi Simona Centanni

Caro amico lettore, Good News è un progetto aperto e accetta la collaborazione di chiunque abbia voglia di far circolare novità positive.


Inviaci le tue proposte (articoli, vignette, foto e video divertenti).

Sostieni l’unico e-magazine dedicato alle buone notizie, fai una donazione

Scrivi a: buonenotizie@goodnews.ws
Inserisci sul tuo sito un link al nostro www.goodnews.ws

GOODNEWS Cerca il Meglio per te

^ SHOPPING ^

Good News l’agenzia di buone notizie e ufficio comunicati stampa online di informazione alternativa e positiva, di salute naturale ecoturismo bioedilizia, agricoltura biologica, alimentazione naturale, energie alternative fantascienza, misteri, parapsicologia, lavoro etico, autoaiuto, selfhelp, webreader, sapere.it

Share This Post