Home » BioSalute

Una miscela di aminoacidi elisir di lunga vita? 

Inserito da

BCAA: gli aminoacidi che allungano la vita. Hanno visto allungarsi la vita di 95 giorni, bevendo acqua potabile addizionata di una miscela di aminoacidi arricchita di BCAA, aminoacidi a catena ramificata, i topi di mezza età protagonisti dello studio coordinato dal professor Enzo Nisoli, del nostro dipartimento di Farmacologia, Chemioterapia e Tossicologia medica, pubblicato su Cell Metabolism il 6 ottobre. “È la prima volta che si dimostra che una miscela di aminoacidi – leucina, isoleucina e valina – può nei mammiferi, in questo caso nei topi, aumentare la sopravvivenza” – commenta il professor Nisoli. Studi precedenti avevano dimostrato il potere dei tre aminoacidi in questione di prolungare la vita del lievito unicellulare, ma con questo studio è stata per la prima volta verificata l’efficacia dei tre aminoacidi su organismi complessi simili all’uomo per molti aspetti genetici, molecolari e cellulari.La dieta supplementata di BCAA somministrata al gruppo di topi ha avuto ulteriori ricadute positive sia sulla produzione di energia che sulla difesa contro i radicali liberi. I ricercatori infatti hanno rilevato che l’assunzione di questa miscela di aminoacidi, che  favorisce l’espressione della proteina eNOS e la conseguente produzione di ossido nitrico (come 

dimostrato in loro studi pubblicati su Science nel 2003 e nel 2005) produce un aumento di mitocondri – le “centrali energetiche” della cellula – nei muscoli dello scheletro e nel muscolo cardiaco. Ma i topi supplementati con gli aminoacidi BCAA hanno mostrato anche una maggiore attività del SIRT1, il gene della longevità, e dei geni del sistema di difesa che combatte i radicali liberi: gli animali infatti hanno dimostrato maggiore resistenza allo sforzo fisico e migliore coordinazione motoria.“Questa supplementazione – specifica il professor Nisoli – potrebbe rivelarsi un’utilissima strategia preventiva nelle persone in là con gli anni, considerando che i risultati sono stati ottenuti in topi anziani e non malati. Non è indicata invece, anzi è superflua, nei giovani già in buone condizioni fisiche”.I ricercatori ipotizzano in particolare che una supplementazione dietetica di aminoacidi BCAA possano rivelarsi utili per i pazienti con insufficienza cardiaca, con una condizione di degenerazione muscolare come la sarcopenia, con malattie polmonari cronico-ostruttive o altre disfunzioni da difetti del metabolismo energetico.“Questo studio – conclude il professor Nisoli – rappresenta in prospettiva una tappa importante nell’approccio “nutrizionale” alle malattie legate all’invecchiamento e ai problemi di carenza energetica. Certo la sfida vera sarà convincere i medici che questi supplementi possono rivelarsi utili per i loro pazienti. Sarebbe necessario, per questo, un esteso trial clinico nell’uomo, un impegno che potrebbe non essere semplice, data la scarsa propensione delle case farmaceutiche a confrontarsi con approcci di tipo nutrizionale”. Per informazioni; Università degli Studi di Milano. Dipartimento di Farmacologia, Chemioterapia e Tossicologia medica. Prof. Enzo Nisoli 

                             

Caro amico lettore, Good News è un progetto aperto e accetta la collaborazionedi chiunque abbia voglia di far circolare novità positive.


Inviaci le tue proposte (articoli, vignette, foto e video divertenti). 

Sostieni l’unico e-magazine dedicato alle buone notizie, fai una donazione 

Scrivi a: buonenotizie@goodnews.ws
Inserisci sul tuo sito un link al nostro www.goodnews.ws

 

GOODNEWS Cerca il Meglio per te      

^ SHOPPING ^

Good News l’agenzia di buone notizie e ufficio comunicati stampa online di informazione alternativa e positiva, di salute naturale ecoturismo bioedilizia, agricoltura biologica, alimentazione naturale, energie alternative fantascenza, misteri, parapsicologia, lavoro etico, autoaiuto, selfhelp, webreader, sapere.it