Cuneo: Mostra fotografica Niños 13 –17 Ottobre 2010

SALA DELLE MOSTRE, CENTRO INCONTRI DELLA PROVINCIA DI CUNEO. Fotografie di bambini, realizzate da Paola Berardo, e fotografie fatte da bambini: istantanee di una realtà che diventa tangibile attraverso la mano di chi ne ha voluto cogliere l’essenza, e di chi l’ha fatto inconsapevolmente, per gioco. Nel  febbraio  2010  undici  volontari  dell’Associazione   di   clownterapia   Cônivip –  CUNEO VIVIAMO   IN   POSITIVO   ONLUS (www.conivip.it), hanno preso parte alla “Missione del Sorriso”, svoltasi nella Municipalidad di San Andrés di Itzapa, una delle regioni più povere del Guatemala. Durante questa intensa esperienza, i volontari clown hanno realizzato un laboratorio di fotografia con i bambini del luogo, dal cui risultato, insieme alla documentazione fotografica di Paola Berardo, amica di Cônivip che con i volontari ha vissuto questa esperienza, nascono, grazie al contributo della Provincia di Cuneo, la Mostra e il volume fotografico a essa collegato. Dal 13 al 17 ottobre 2010, presso la Sala Mostre del Centro incontri della Provincia di Cuneo (corso Dante 41, Cuneo) si terrà la Mostra fotografica Niños, rilevante evento di sensibilizzazione che avrà per tema principale i “bambini”, i niños. Sarà un momento importante per dare il massimo rilievo alla tematica, verranno proposte una serie di iniziative collaterali alla mostra e rivolte in particolare alle scuole, ai bambini e alle famiglie della Città e zone limitrofe, affinché i più piccoli possano   conoscere  maggiormente  la realtà esplicata  nelle  immagini  e   possano  interagire   tangibilmente   con  le   attività realizzate dai clown in Missione con i loro coetanei. L’inaugurazione si terrà mercoledì 13 alle ore 18:00 presso la Sala della Mostra. La mostra deriva in parte dal laboratorio di fotografia messo in atto con i bambini, e in parte dalla documentazione fotografica di Paola Berardo. Il   laboratorio   è   stato   realizzato   in   tre   contesti   particolari,  San   Andrés,  Chuchu,  N.P.H. Guatemala–  Nuestros   Pequeños Hermanos (I nostri piccoli fratelli): tre mondi in parte molto differenti, ognuno denso di caratteristiche uniche. Il   mondo   umile   e   dignitoso   delle   famiglie   che   hanno   ospitato   i   volontari   clown   a  San   Andrés.   Il   mondo   rigoglioso   e solitario   della foresta   di  Chuchu.  Il  mondo     organizzato,     vociante   e  circoscritto   dai   confini  delle   strutture   di  NPH Guatemala, casa di accoglienza facente parte di una organizzazione umanitaria internazionale molto diffusa in America Latina e rappresentata in Italia dalla Fondazione Francesca Rava – NPH Italia Onlus (www.nphitalia.org), che aiuta l’infanzia  in   condizioni   di   disagio   tramite   adozioni   a   distanza,   progetti,   volontariato   e   attività   di   sensibilizzazione   sui   diritti   dei bambini. Sono state consegnate cinquanta macchine usa e getta da ventisette fotografie ciascuna: hanno partecipato bambini dai 5 anni a ragazzi di 16 anni circa, la cui maggior parte non avevano né visto né utilizzato prima una fotocamera. Il tema cara triste  y

cara   feliz  (viso   triste   e viso   felice),  denominatore   comune   dei vari laboratori   della  Missione,  è   stato   il   filo conduttore di questa esperienza. Ai   bambini   delle   varie realtà  sono  state   consegnate   colorate   macchine   usa  e   getta  addobbate  da  clown,  e   sono   state fornite loro poche, basilari istruzioni per poterle far funzionare. Il resto è stato lasciato alla loro fantasia e creatività, con risultati sorprendenti: oltre 1.300 immagini, tra le quali sono state scelte  le fotografie  protagoniste anche della Mostra, veri e propri piccoli capolavori. Il loro modo di guardare aggiunge una delicata dignità al contesto, come se la bellezza che sono riusciti a cogliere, forse a volte anche in maniera del tutto inconsapevole, superasse le difficoltà oggettive che quotidianamente affrontano, in quella terra colorata e fortemente problematica che è il Guatemala. Senza intento di dipingere un quadro fosco della povertà nel mondo, l’unico, vitale desiderio è stato quello di far vedere,  in questi scatti, la naturalezza di questi bambini, ai quali è stato richiesto di fotografare qualche tessera del variegato e complesso mosaico della loro esistenza, ma ai quali, soprattutto, è stato chiesto di divertirsi. Queste fotografie attestano che lo sguardo è elemento comune denominatore di ogni latitudine bambina, può cogliere le differenze ma allo stesso tempo, in modo molto più potente, permette di mostrare l’uguaglianza e la quotidianità di sorrisi, sguardi, mondi lontani. L’accoglienza riservata ai payasitos italianos,  durante questa Missione, è stata straordinaria e al di sopra delle attese.  La Direzione stessa di NPH Guatemala ha supportato l’attività dei volontari collaborando alla stesura del programma della  Missione, ed è stata addirittura organizzata un’intervista a Canal 3, canale della tv nazionale. Quella del 2010 è stata una missione itinerante che non si è limitata alla sola attività nella casa NPH,  ma ha portato i clown   di   Cuneo   a  prestare   servizio   in   svariate realtà:  ospedali,  scuole,  case   di   riposo,  centri   di   accoglienza  oncologici, strutture per bambini sieropositivi e con handicap gravi, oltre a un centro educativo e ricreativo della Zona 3 di Città del Guatemala,  un  vasto  quartiere  in  cui  è  collocata  la  più  grande  discarica  dell’America  Centrale  e  dove  vivono  i  niños basureros. La soddisfazione più grande per i volontari clown, piacevolmente ancora un po’ increduli di questo risultato, è essere stati testimoni privilegiati di questa esperienza eccezionale, e di questi scatti straordinari ed emozionanti  realizzati dai niños incontrati durante la Missione, a cui, attraverso il volume e la mostra relativa, si vuole poter offrire tutta la dignità che meritano. La mostra e il libro permetteranno di portare avanti un discorso di sensibilizzazione sui progetti sostenuti da Cônivip in Guatemala:  un’avventura  nata  semplicemente dalla   volontà   di   credere   fortemente   in   questo   obiettivo,  affrontando   un percorso intenso che sinora ha portato risultati che i volontari ritengono molto importanti! Ora la prossima speranza sarà quella  di    poter   condividere   questi   risultati   con   i  bambini   e   le   varie   realtà   che   in   Guatemala   hanno   collaborato   al laboratorio. Sono loro,  i niños,  i  protagonisti  assoluti  di  questo risultato,  ed è   su  di  loro   che  deve   essere riposta  tutta l’attenzione necessaria. La   mostra   e   il   volume   hanno   ottenuto,   oltre   al   contributo   e   al   patrocinio   della   Provincia  di   Cuneo,   anche   il patrocinio del Comune di Cuneo. Inoltre, anche la Fondazione Francesca Rava –NPH Italia Onlus ha riconosciuto la validità del progetto. L’ingresso è gratuito. Gli orari della Mostra saranno i seguenti: Mercoledì, giovedì, venerdì: ore 16.00-22.00; Sabato, domenica: ore 10.00-22.00. CONTATTI:  Cristiana Menarello, (Ref. laboratorio fotografico / Ufficio Stampa Cônivip)  – Lucio Ariaudo,  (Presidente Cônivip).

Caro amico lettore, questo è un progetto aperto e accetta la collaborazione di chiunque abbia voglia di far circolare positività…
Inviaci le tue proposte (articoli, vignette, foto e video divertenti) e troverai una porta aperta dove far circolare le tue idee…POSITIVE!
Sostieni e diffondi l’unico e-magazine dedicato alle buone notizie e sorrisi!Scrivi a: buonenotizie@goodnews.ws
Inserisci sul tuo sito un link al nostro www.goodnews.ws

GOOD NEWS Cerca il Meglio per te

^ SHOPPING ^

Share This Post