Bologna al top, è la città eco-mobile d´Italia

Il capoluogo dell´Emilia Romagna in testa alla classifica di Euromobility. Seguono Firenze, Trento e Milano. Bologna al top, è la città eco-mobile d´ItaliaBologna sulla vetta della classifica delle 50 città italiane vince il trofeo nazionale della mobilità sostenibile, levando il primato alla città di Parma. E’ questo il verdetto del terzo rapporto Mobilita’ sostenibile in Italia: indagine sulle principali 50 città, elaborato da Euromobility con il contributo di Assogasliquidi e Consorzio Ecogas e con il patrocinio del Ministero dell’ Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare.La città emiliana vanta un trasporto pubblico funzionale, innovazioni all’avanguardia e un alto tasso di automobili in circolazione a basso impatto ambientale. Fiore all’occhiello del capoluogo l’introduzione di mezzi di trasporto alternativi, come il car sharing e la bike sharign, le auto di nuova generazione alimentate a combustibili alternativi come il Gpl, le piste ciclabili e la gestione del traffico. Se Bologna accelera verso una mobilità più sostenibile, una parte del paese non sembra tenere il passo. Nella top ten solo città del centro-nord, fatta esclusione per Bari che occupa il nono posto. Firenze si aggiudica la medaglia d’argento, seguita da Parma che perde due posti rispetto al 2008. Poi Trento, Milano che invece guadagna nove posizioni, Venezia, Reggio Emilia, Padova, Bari e Modena. Cucchiaio di legno a Taranto, Sassari e Catania che arrancano in coda al gruppo.Milano è la città più viva nell’investire su mobilità alternative.La bicicletta su tutte. Il servizio comunale di bike sharing elettronico sembra aver conosciuto il boom in questo 2009, con una crescita del 206,5% e 12.346 ciclisti urbani in circolazione.  Quadruplicata l’utenza anche a Roma: 8.700 cittadini hanno pedalato sulle vie della città eterna

preferendo la bicicletta a auto e mezzi pubblici.  Anche il car sharing si fa largo nello stile di vita dei cittadini italiani. Milano e’ in testa con 4.097 utenti, quasi raddoppia i circa 2.800 dell’anno precedente, seguita da Venezia con 3.065. I mobility manager piazzano bandierine in 41 città. I centri urbani, tutti del centro-sud, privi del servizio di auto condivisa sono invece Campobasso, Cagliari, Catanzaro, L’ Aquila, Latina, Pescara, Livorno, Sassari e Taranto. E’ in pieno sviluppo anche l’utilizzo delle auto a gas, dovuto soprattutto agli incentivi statali. Le auto dotate di Gpl aumentano del 14,77% e circolano a Ravenna, Bologna e Ferrara con una media superiore al 12%. Indietro Trieste, Aosta e Udine che non raggiungono neppure l’1%. fonte automania.it  – Secondo la Bocconi il metano conviene.Ecoincentivi, metano per abbattere le emissioni di CO2. Per il 2010 sono previste diminuzioni nell’emissione di gas inquinanti in Italia grazie all’utilizzo di vetture dotate di impianti a gas. Una necessità inevitabile, che in altri paesi è già realtà. La vendita di auto a metano nel nostro paese nel 2009 ha fatto segnare una impennata pari al 50%, dato che lascia pensare che se tale vendita continuasse su questi livelli entro il 2011, nel nostro Belpaese, potrebbero circolare circa 1 milione di autovetture a metano. Tutto questo sicuramente andrebbe a incidere in modo positivo sull’ambiente, depurato, almeno in parte, dalle scorie di monossido di carbonio, ossido di azoto e idrocarburi non meranici. Un passo in avanti, quindi, si potrebbe compierlo per la natura e, soprattutto, per noi. Dal CERTeT( Centro di Economia Regionale, deiTrasporti e del Turismo della Bocconi) giungono importanti riflessioni:

abbattere i gas di scarico porterebbe, inevitabilmente, a una diminuzione delle morti causate dall’alta concentrazione di particolato, come i tumori alle vie respiratorie o infarti, e preverrebbe anche altri tipologia di malattie come la bronchite e l’asma. Un passo in avanti, quindi, si potrebbe compirlo sia per la natura,ma, soprattutto, per noi. Dalla Francia, intanto, giunge una simpatica iniziativa per ridurre le emissioni di CO2, incentivando i cittadini francesi all’acquisto di auto con basse emissioni, prescindendo dalla tipologia di alimentazione di cui l’auto è munita. Come? Con il sistema, entrato in vigore già nel 2007, che permette a chi acquista una nuova autovettura con emissioni di CO2 inferiori ai 131 g/km di ricevere uno sconto che varia dai 200 ai 5.000(dipende dalla minore emissione di CO2 della vettura). il sistema francese prevede anche una “punizione” per chi acquista una nuova vettura non tenendo conto delle emissione della stessa, per questi incauti guidatori il sovrapprezzo da pagare varia dai 200 ai 2.600. fonte auto.fanpage.it  –  La casa svizzera Protoscar ha rilasciato delle nuove immagini che ritraggono la sua nuova concept car completamente elettrica, nominata Lampo2 Geneva, che, non a caso, vedrà definitivamente la luce proprio al Salone di Ginevra del prossimo marzo. Evoluzione del prototipo “Lampo” che ha visto la luce proprio lo scorso marzo, dovrebbe essere ancora più vicino al modello di serie, con miglioramenti per quanto riguarda il peso e l’aerodinamica, oltre a quattro diversi modi di carica. La coppia di motori elettrici svilupperanno una potenza di 354 CV e600 Nm di coppia massima. Grazie alla sua batteria da 30 kWh ha un’autonomia di 200 km e può passare da 0 a 100 km/h in circa 5 secondi. fonte motorionline.com


Caro amico lettore,
questo è un progetto aperto e accetta la collaborazione di chiunque abbia voglia di far circolare positività…
Inviaci le tue proposte (articoli, vignette, foto e video divertenti) e troverai una porta aperta dove far circolare le tue idee…POSITIVE!
Sostieni e diffondi l’unico e-magazine dedicato alle buone notizie e sorrisi!Scrivi a: buonenotizie@goodnews.ws
Inserisci sul tuo sito un link al nostro www.goodnews.ws

Share This Post