Home » Eventi e spettacoli

“L’origine della specie”, compie 150 anni la teoria della selezione naturale

Inserito da

Charles Darwin 7 anniSono passati duecento anni esatti dalla nascita di Charles Darwin e centocinquanta dalla pubblicazione del volume L’origine della specie, una delle pietre miliari della conoscenza scientifica moderna. L’anniversario è stato simbolicamente festeggiato con la vendita durante un’asta della prima edizione del volume pubblicato il 24 novembre 1859. L’origine della specie era stata tenuta per anni sugli scaffali di una stanza da bagno ed è stata venduta dalla prestigiosa Christie’s per 114.000 euro. Il libro era stato pagato nell’Ottocento solo pochi scellini. Alla ricerca del volume perduto – Intanto secondo quanto riporta il prestigioso Times, l’English Heritage ha lanciato un appello per  trovare una agenda di appunti scritti da Darwin nelle Galapagos e scomparsa da decenni. Gli appunti sono stati scritti nel 1835 durante un viaggio del naturalista inglese in Cile, Perù, Galapagos e Tahiti. E’ considerato molto importante dagli studiosi perché avrebbe anticipato le teorie dell’evoluzionismo poi contenute in L’origine della specie.Darwin scenziato ed eretico – Darwin con le sue teorie ha spaccato la comunità scientifica dell”800.

Charles Darwin Le sue posizioni riassunte dalla celebre teoria della selezione naturale regolata dalla competizione per le risorse naturali è stata oggetto di dure critiche da parte dei “creazionisti”. Il creazionismo è la credenza che l’universo, la Terra, la vita e l’uomo siano il risultato di un intervento diretto di Dio. Anche l’Italia ricorda il naturalista – In Italia l’anniversario viene festeggiato grazie alla mostra “Darwin 1809-2009” che sarà esposta a Castello Svevo di Bari dal 24 novembre 2009 al 15 febbraio. “Era il 24 novembre del 1859 – ha detto il presidente della Regione, Nichi Vendola – quando il naturalista inglese Charles Darwin pubblicò L’origine delle specie, il testo di biologia che avrebbe rivoluzionato le teorie sull’origine dell’uomo e degli organismi viventi basandosi sui concetti dell’evoluzione e della selezione naturale”.  fonte notizie.tiscali.it  –  Naturalista inglese (Shrewsbury, Shropshire, 1809-Downe, Kent, 1882). Nipote del medico e scrittore illuminista Erasmus Darwin, iniziò studi di medicina a Edimburgo e poi di teologia a Cambridge, senza riuscire però a concluderli. Ebbe sempre, infatti, un prevalente interesse per le scienze naturali e nel 1831 s’imbarcò, in qualità di naturalista, sul brigantino Beagle per una spedizione scientifica che si concluse nel 1836.

Charles Darwin Visitò le isole di Capo Verde, il Brasile, la Patagonia, la Terra del Fuoco, le coste del Cile e del Perú e molte isole dell’Oceano Pacifico tra cui le Galápagos. Durante questo viaggio ebbe modo di effettuare numerose osservazioni sulla geologia, la fauna e la flora, specie dell’America Meridionale, che gli offrirono prezioso materiale per affrontare il problema dell’origine delle specie. Al ritorno visse alcuni anni a Londra e poi si ritirò, per la malferma salute, non molto lontano da questa città, nel Kent, dove trascorse il resto della sua vita. Benché svolgesse privatamente la sua attività scientifica, fu sempre in stretto contatto con i più eminenti naturalisti del suo tempo. Fra le prime pubblicazioni vi furono nel 1839 il Journal of Researches into the Natural History and Geology of the Various Countries Visited during the Voyage of H. M. S. Beagle (Viaggio di un naturalista intorno al mondo) e nel 1846 Geological Observations on South America (Osservazioni geologiche sul Sudamerica). Nel 1859 compose il saggio On the Origin of Species by Means of Natural Selection (L’origine delle specie attraverso la selezione naturale) come sintesi di un più ampio lavoro da tempo in preparazione e che fu indotto a pubblicare anticipatamente avendo avuto comunicazione del fatto che Charles Darwin

A. Russell Wallace era pervenuto ai suoi stessi risultati pur se suffragati da minore documentazione. L’enorme risonanza e le polemiche suscitate da questo suo scritto non lo distolsero tuttavia da un intenso lavoro: nel 1868 pubblicò The Variations of Animals and Plants under Domestication (Variazioni degli animali e delle piante allo stato domestico) e nel 1871 The Descent of Man, and Selection in Relation to Sex (L’origine dell’uomo e la selezione sessuale). Affrontò anche temi collegati indirettamente all’evoluzione sia nel campo della psicologia (The Expression of the Emotions in Man and Animals, 1872, L’espressione delle emozioni nell’uomo e negli animali) sia in quello della botanica, in particolare sulla fecondazione e i movimenti delle piante. La violenta opposizione degli ambienti ecclesiastici e di quelli scientifici più conservatori alla sua teoria evoluzionistica non impedirono che alla sua morte egli fosse considerato uno dei maggiori scienziati moderni.  N.D.R.


Caro amico lettore,
questo è un progetto aperto e accetta la collaborazione di chiunque abbia voglia di far circolare positività…
Inviaci le tue proposte (articoli, vignette, foto e video divertenti) e troverai una porta aperta dove far circolare le tue idee…POSITIVE!
Sostieni e diffondi l’unico e-magazine dedicato alle buone notizie e sorrisi!Scrivi a: buonenotizie@goodnews.ws
Inserisci sul tuo sito un link al nostro www.goodnews.ws