Il CNR fotografa la Internet italiana

CNR: Italia e imprese dei domini .it. Analizzando i dati del Registro.it i ricercatori dell’IIT-CNR di Pisa hanno profilato la diffusione di Internet in Italia, restituendo uno spaccato delle tipologie utenti e aree più evolute. Ha fotografato l’Italia sul Web in quanto a diffusione dei domini .it l’ultima ricerca dell’IIT-CNR di Pisa basata sui dati del Registro italiano NIC (anagrafe delle estensioni .it). Dei domini analizzati, la maggior parte (910.694) risulta registra da imprese e 392.383 da persone fisiche. In minoranza (55.234), invece, risultano i domini assegnati agli enti no-profit e ai liberi professionisti (46.458). Tra le imprese sul Web prese in esame dai ricercatori dell’Istituto di Informatica e Telematica del Consiglio Nazionale delle Ricerche di Pisa, le più evolute operano nella provincia di Bologna, che passa dalla nona posizione del 2004 al primo posto, che un tasso di penetrazione di 45,42 (quasi un dominio ogni due imprese), battendo Milano (TP di 37,64) e Bolzano (36,57). A livello regionale, invece, primeggiano le aziende del Trentino Alto Adige (TP 32,57) seguite da quelle della Lombardia (TP 28,53), che però detiene il primato in termini assoluti con 214 mila domini (quasi il 25% del totale). Tra i liberi professionisti spicca invece Livorno (TP 18,31), Milano (TP 17,47), Bologna (TP 15,83) e Caserta (TP 15,24). La Toscana piazza tra le prime venti altre quattro città: Lucca, Siena, Firenze e Pisa. Anchhe in questo settore la regione con il tasso di penetrazione maggiore è il Trentino-Alto Adige con 10,79 battendo ancora Lazio, Lombardia, Toscana. In generale, in Italia vi sono 289 domini internet .it ogni 10 mila abitanti.  Il tasso di penetrazione è più alto al Centro con 354,48 domini .it ogni 10mila abitanti, seguono Settentrione (340,82) e Meridione (180,51).

Conduce la classifica delle regioni più evolute il Trentino-Alto Adige con 457,99 domini .it ogni 10mila abitanti ed un distacco netto da Lombardia, Emilia-Romagna e Lazio. Le zone del Sud Italia si collocano tutte oltre la decima posizione, con l’Abruzzo al 13esimo posto (240,61). Fanalini di coda la Sicilia (156,34), la Basilicata (146,56) e la Calabria (140,5). Tra le provincie capeggia Bologna con un tasso di penetrazione di 602,73 e 49.665 domini, a seguire Milano (535,15 e 175.446), Bolzano (533,67) e Pistoia (465,59). A livello percentuale però è al Settentrione che si concentra il 54,35% del totale dei domini italiani registrati. Al Centro la quota è del 24,34% e al Sud il 21,31%. fonte pmi.it  –  Lo IIT svolge attività di ricerca, valorizzazione, trasferimento tecnologico e formazione nel settore delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione e nel settore delle scienze computazionali. In perfetta sintonia con le attività del Dipartimento ICT del CNR e del Settimo Programma Quadro dell’Unione Europea, lo IIT è proiettato naturalmente e concretamente verso l’Internet del Futuro, sia dal punto di vista modellistico-algoritmico che tecnologico-applicativo. Nello IIT ricerca e applicazioni si integrano in maniera bilanciata consentendo lo sviluppo di servizi ad alto valore aggiunto per l’Internet del Futuro, che contribuiscono fortemente all’autofinanziamento della ricerca svolta dall’Istituto. Le attività sono svolte, nella quasi totalità, con finanziamenti esterni all’Ente attraverso la partecipazione ai programmi di ricerca della UE, del MIUR, le collaborazioni con la Regione Toscana e con altre Amministrazioni Pubbliche e la conduzione di importanti attività di realizzazione e gestione di servizi di rete Internet, quali quelle svolte dal Registro italiano dei nomi a dominio .it L’obiettivo strategico di costituire un Istituto fortemente innovativo ha portato ad inserire nello IIT competenze tra loro sinergiche e complementari.

Di grande interesse per la crescita scientifica e tecnologica dell’Istituto è la cooperazione con altre istituzioni. Questa strategia è attuata mediante la partecipazione ad associazioni nazionali e internazionali quali: * DIMATIA (Center for Discrete Mathematics, Theoretical Computer Science and Applications). * EURid (EUropean Registry of Internet Domain Names). * ERCIM (European Research Consortium for Informatics and Mathematics). * ICANN (Internet Corporation for Assigned Names and Numbers). * RIPE NCC (Réseaux IP Européens – Network Coordination Centre).  * CENTR (Council of European National Top Level Domain Registries). * ISOC (Internet Society).  * WWRF (Wireless World Research Forum). * AssoSecurity. Nel corso degli anni lo IIT ha acquisito un ruolo preminente nel panorama internazionale e nazionale della ricerca nel settore dell’ Internet attraverso pubblicazioni scientifiche sulle più significative riviste dei settori di riferimento e la partecipazione a importanti progetti di ricerca nazionali ed internazionali, in alcuni dei quali svolge il ruolo di coordinatore scientifico. Nel settore dell’Internet lo IIT cura, attraverso il Registro Italiano, la registrazione e gestione dei nomi a dominio all’interno del ccTLD “it” (ISO 3166). Questo ruolo è stato riconosciuto da IANA (Internet Assigned Numbers Authority) fin dal 1987 e successivamente da ICANN (The Internet Corporation for Assigned Names and Numbers). I nomi a dominio registrati attualmente nel ccTLD “it” sono oltre 1,600,000 e fanno capo a persone fisiche o giuridiche dei vari paesi dell’Unione Europea. A seguito di tale attività lo IIT interagisce con oltre 2500 provider/maintainer italiani e stranieri.Complessivamente lo IIT conta 155 unità di personale di cui 23 ricercatori, 14 tecnologi, 7 associati di ricerca, 8 assegnisti di ricerca, 46 unità di personale tecnico e amministrativo cnr, 57 collaboratori a vario titolo.  N.D.R.


Caro amico lettore,
questo è un progetto aperto e accetta la collaborazione di chiunque abbia voglia di far circolare positività…
Inviaci le tue proposte (articoli, vignette, foto e video divertenti) e troverai una porta aperta dove far circolare le tue idee…POSITIVE!
Sostieni e diffondi l’unico e-magazine dedicato alle buone notizie e sorrisi!Scrivi a: buonenotizie@goodnews.ws
Inserisci sul tuo sito un link al nostro www.goodnews.ws

Share This Post