L’auto «eco» sbarca a Pisa In strada già tra un anno

Smart elettrica: Enel e il comune di Pisa firmano l’accordo per la rete di ricarica. IL SOGNO dell’auto elettrica a Pisa diventa realtà. Nell’ambito di «E-mobility Italy» — progetto mondiale per la mobilità elettrica portato avanti da Enel e Smart — è stato firmato proprio ieri dal sindaco del Comune di Pisa, Marco Filippeschi, e dal direttore della divisione Ingegneria e Innovazione di Enel, Livio Vido, alla presenza degli assessori David Gay e Giuseppe Forte, il protocollo d’intesa che consentirà di realizzare sotto la Torre una rete di ricarica elettrica intelligente: 100 punti in tutta la città. Un vero e proprio «pilot test» dell’auto elettrica aperto agli automobilisti che si candideranno e che verranno selezionati dalla Mercedes. I TEMPI. Le vetture elettriche inizieranno a muoversi per la città a settembre 2010 e dopo Pisa coinvolgeranno anche Roma e Milano. Stessi tempi anche per le colonnine di ricarica elettrica che saranno posizionate dopo uno studio, effettuato da Enel con Pisamo e gli uffici tecnici del Comune, sulla base non solo delle esigenze degli automobilisti pisani, ma anche tenendo conto delle caratteristiche urbanistiche della città, dei flussi di traffico, delle regole di mobilità e della specificità del mezzi di trasporto pubblico. «Il sistema — spiega Vido — ideato per permettere la ricarica del veicolo sia in ambito domestico (garage) che pubblico, è basato sull’innovativa rete elettrica telegestita, che in Italia ha visto l’installazione da parte di Enel di 32milioni di contatori elettronici». «Avere un partner come Enel, principale operatore energetico del paese, è un importante valore aggiunto — dichiara Filippeschi —. Abbiamo aderito a questo progetto perché puntiamo a risolvere i problemi di mobilità urbana, con cui anche Pisa, pur non essendo una metropoli, convive ogni giorno». L’AMBIENTE. In base a stime Enel, se almeno il 15% delle auto circolanti nella provincia di Pisa fossero elettriche si risparmierebbe più di 35mila tonnellate di CO2 all’anno e si avrebbe una forte riduzione delle sostanze inquinanti. «L’energia elettrica è il futuro — afferma Vido — della mobilità pubblica e privata. Nel nostro mirino c’è l’obiettivo di allargare, a Pisa e non solo, il campo d’azione dalle quattro ruote alle due ruote e al trasporto pubblico». E ancora un punto a favore: i clienti risparmieranno oltre la metà del costo della mobilità attuale. fonte lanazione.ilsole24ore.com – Era il 05/12/2008 e…COMUNE DI PISA, ENEL E SMART INSIEME NEL PIÙ IMPORTANTE PROGETTO MONDIALE PER LA MOBILITÀ ELETTRICA.Con e-mobility Italy, Enel e Smart lanciano uno dei più grandi progetti mondiali per la mobilità elettrica.

Si tratta di un inedito modello integrato che ha l’obiettivo di promuovere l’uso di veicoli elettrici nelle città, grazie a modalità di ricarica basate sulla tecnologia dei 32 milioni di contatori elettronici, tutti teleletti e telegestiti, che Enel ha installato nelle case degli italiani a partire dal 2001. L’utilizzo delle vetture elettriche inizierà nel 2010 con una fase sperimentale di 4 anni. Il progetto, avviato con la firma dell’accordo tra l’Amministratore Delegato e Direttore Generale di Enel Fulvio Conti ed il Presidente e CEO di Mercedes-Benz Italia Bram Schot, coinvolge le città di Roma, Milano e Pisa, dove venerdì 5 dicembre l’iniziativa è stata presentata presso la sede del Comune dal Sindaco Marco Filippeschi, dal Responsabile Innovazione e Ambiente di Enel Andrea Valcalda e dal Responsabile Corporate Marketing di Mercedes-Benz Italia Giovanni Palazzo. In base all’accordo Daimler fornirà oltre 100 vetture elettriche e si farà carico della loro manutenzione. Enel invece sarà responsabile dello sviluppo, della creazione e del funzionamento dell’infrastruttura, con oltre 400 punti di ricarica dedicati, oltre al sistema di controllo centrale. Il Sindaco di Pisa Marco Filippeschi ha ricordato che “la nostra città investe il 3.7 per cento del prodotto interno lordo in ricerca: è il record italiano e il doppio della media europea. Anche per questo Enel e Mercedes hanno scelto Pisa per questa sperimentazione destinata a segnare una svolta epocale nella mobilità urbana”. “Siamo molto contenti di avviare questo progetto partendo da Pisa, che è anche la sede del Centro Ricerca Enel” ha detto Andrea Valcalda, aggiungendo che “i vantaggi della mobilità elettrica possono essere enormi: se un quarto delle auto circolanti a Pisa fossero elettriche, si avrebbe una diminuzione di 25.000 tonnellate all’anno di CO2. Per assorbirla servirebbe una foresta di circa 32 chilometri quadrati. Quindi, sostituire un quarto dei veicoli a benzina con mezzi elettrici corrisponde a portare nel cuore della città un parco grande quanto 4.500 campi da calcio”. “Il progetto e-mobility Italy è la risposta concreta all’esigenza di una mobilità realmente sostenibile a zero emissioni” ha confermato Giovanni Palazzo, sottolineando che “Enel è il partner ideale per la sperimentazione del primo modello integrato di mobilità elettrica al mondo”. fonte enel.it


Caro amico lettore,
questo è un progetto aperto e accetta la collaborazione di chiunque abbia voglia di far circolare positività…
Inviaci le tue proposte (articoli, vignette, foto e video divertenti) e troverai una porta aperta dove far circolare le tue idee…POSITIVE!
Sostieni e diffondi l’unico e-magazine dedicato alle buone notizie e sorrisi!Scrivi a: buonenotizie@goodnews.ws
Inserisci sul tuo sito un link al nostro www.goodnews.ws

Share This Post