I broccoli fanno bene alle arterie e al cuore

Buona notizia per il cuore: un suo alleato si troverebbe nei broccoli, nei cavoli e nei cavolfiori. Il sulforafano è un componente fitochimico che sembra rafforzare il meccanismo naturale di difesa che protegge le arterie dalle malattie. Questa la scoperta di un team di studiosi dell’Imperial College London. Molti problemi cardiaci nascono dalle placche di grasso nelle arterie che provocano l’arteriosclerosi. le arterie però non vengono ostruite in maniera uniforme: le insenature e i rami dei vasi sanguigni sono infatti molto più a rischio, visto che il flusso del sangue può essere stagnante. Vi è una proteina, l’Nrf2, che protegge dalle placche, ma è inattiva nelle aree delle arterie colpite dalla malattia; gli studiosi però hanno scoperto che il sulforafano può attivare l’Nrf2 in quelle regioni. Spiega Paul Evans, ricercatore del team: «Il nostro prossimo passo sarà verificare se mangiando semplicemente i broccoli, o altre vegetali della stessa famiglia, si ottenga lo stesso efficace effetto; e verificare se il composto possa ridurre la progressione della malattia nelle aree interessate». I broccoli a protezione delle arterie. I broccoli possono contribuire a migliorare la salute delle arterie e a promuovere il benessere cardiovascolare: è quanto sostiene uno studio condotto presso l’Imperial College London e pubblicato sulla rivista Ateriosclerosis Thrombosis and Vascular Biology. È noto da tempo come il consumo di broccoli, e più in generale di crucifere, possa promuovere il benessere cardiovascolare, ma non si sapeva in quale modo i broccoli sortissero un tale effetto. Lo studio in questione, invece, ha chiarito come uno dei composti solforati presenti nei broccoli sia in grado di accendere una proteina protettiva dislocata a livello arterioso altrimenti inattiva. Questo composto solforato, cioè, attiva questa proteina nei vasi che più degli altri sono a rischio di tapparsi a causa della formazione di trombi. Lo studio è stato condotto attraverso l’utilizzo del composto solforato presente nei broccoli in forma purificata: i ricercatori contano di ripetere l’esperienza controllando quello che succede nelle arterie incentivando il consumo a tavola di broccoli. fonte sanihelp.it
…………………………………………………………………………………………………………

Cavoli e Broccoli: Proprietà e Benefici. I cavoli appartengono alla famiglia delle crocifere, (il nome deriva dalle quattro foglie a forma di croce) varietà Brassica. La parte commestibile di queste piante è rappresentata dalle foglie (cavolo cappuccio, verza, cinese, cavolini di Bruxelles) o le infiorescenze ancora immature (broccoli, broccoletti, cavolfiore). I cavoli sono un alimento molto importante poiché grazie al loro sapore caratteristico, le poche calorie e le molte proprietà, ben si prestano a essere inseriti in molte ricette. Cavoli e broccoli sono tipici ortaggi invernali, stagione in cui la qualità è migliore e i prezzi  più bassi. Tuttavia sono disponibili tutto l’anno, a prezzi maggiori. Il cavolo broccolo e il cavolo broccolo ramoso, entrambi chiamati broccoli, sono due piante appartenenti alla famiglia dei cavoli la cui parte commestibile è costituita dalle inflorescenze non ancora mature.  Composizione e principi attivi. Il cavolo contiene una grande quantità di vitamine: protovitamina e vitamina A, vitamine B1, B2, B9 (acido folico), PP, C, ( a parità di peso il cavolo rapa ne contiene più delle arance), K, U. Molto ampia la gamma di minerali: in primis fosforo, calcio, ferro, zolfo, potassio, rame, magnesio, iodo, e arsenico. Molto preziose le sue mucillagini, soprattutto per quel che riguarda la cura delle coliti ulcerose, ed altrettanto significativa la sua alta percentuale di clorofilla, che aiuta l’organismo nella produzione di emoglobina contrastando così le varie forme di anemia. Da sottolinare, in cavoli e broccoli, la presenza di antiossidanti e di indoli che si formano quando le pareti cellulari di questi vegetali vengono spezzate o dal taglio del coltello o dalla masticazione. Proprietà Curative e Benefici. Secondo le ultime ricerche, chi consuma molti cibi ricchi di vitamina C, vitamina E e carotene, è molto meno esposto a malattie cardiovascolari, ictus e cataratta. Gran parte delle piante crocifere sono ricche di potassio che ha un ruolo importante nella regolazione della pressione arteriosa. L’aspetto più importante dei cavoli e dei broccoli è rappresentato dal fatto che, sempre stando alle ultime ricerche mediche, un regolare consumo di questi vegetali, può dimezzare il rischi di sviluppare vari tipi di tumore in particolare dei polmoni e del colon. Uno studio condotto presso l’univerità della California di Santa Barbara ci rivela cosa accade a livello cellulare; broccoli, cavoli, ravanelli, contengono alcuni composti chimici, chiamati isotiocianati, che danno inizio ad un meccanismo che è in grado di bloccare il diffondersi e la proliferazione delle cellule tumorali.

Altre ricerche condotte in Giappone hanno dimostrato che gli isotiocianati presenti in cavoli e broccoli sono altresì in grado di bloccare i melanomi. Oltre alle proprietà antitumorali, i broccoli giovano anche alla salute del cuore; questo quello che risulta da studi effettuati su topi all’università del Connecticut. Per concludere, possiamo affermare che introdurre i broccoli ed i cavoli nella nostra dieta abituale potrebbe rivelarsi molto utile contro l’insorgenza di tumori al colon, al pancreas, all’utero, alla gola, ai polmoni, all’esofago, e allo stomaco, questo stando alle dichiarazione degli scienziati del World Cancer Research Found. Cavoli e Broccoli in Tavola. Come abbiamo visto, cavoli, broccoli e altri vegetali appartenenti alla famiglia delle Crocifere sono rinomati per le loro proprietà di ridurre il rischio di tumori; tuttavia i ricercatori ora avvertono che cuocere, lessare queste verdure potrebbe compromettere le loro proprietà e virtù benefiche. Due ricercatori dell’Università di Warwick hanno acquistato cavoli e broccoli ed hanno effettuato dei test per valutare l’impatto dei diversi metodi di cottura. La lessatura è risultata il metodo di cottura con i maggiori effetti negativi sulle proprietà dei cavoli e dei broccoli: dopo mezz’ora di bollitura i broccoli avevano perso il 77% delle loro proprietà benefiche mentre per i cavoli la percentuale si aggirava intorno al 65%. Al contrario la cottura al microonde e la cottura al vapore non hanno segnalato perdite significative. Da evitare il surgelamento di cavoli e broccoli in quanto determina una perdita del 30% del contenuto di  glucosinato. Da bere. Vera e propria panacea, il succo di  cavolo crudo, magari mischiato a quello di carota con un po’ di limone, è un vero rinvigorente nelle situazioni di estremo affaticamento e di carenze vitaminiche; utile nelle situazioni di estremo nervosismo ed eccessiva irritabilità, utile per riequilibrare le condizioni della pelle e del cuoio capelluto, per liberare l’intestino da vermi o parassiti e in caso di asma e pertosse. Logicamente anche crudi,  cavolo, e broccoli  esercitano quasi le stesse proprietà del loro succo, con il vantaggio che mangiati crudi sono più appetitosi che berne invece il succo.  N.D.R.


Caro amico lettore,
questo è un progetto aperto e accetta la collaborazione di chiunque abbia voglia di far circolare positività…
Inviaci le tue proposte (articoli, vignette, foto e video divertenti) e troverai una porta aperta dove far circolare le tue idee…POSITIVE!
Sostieni e diffondi l’unico e-magazine dedicato alle buone notizie e sorrisi!Scrivi a: buonenotizie@goodnews.ws
Inserisci sul tuo sito un link al nostro www.goodnews.ws

Share This Post