San Lorenzo, notte magica di stelle cadenti

stelle cadentiFabio Peri fisico e pianista racconta i contenuti della quattro incontri che il Planetario dedica a uno dei fenomeni astronomici più suggestivi
Telescopi sul cielo d’estate. «La tradizione parla di ‘stelle cadenti’, ma in realtà le stelle non cadono: la Terra in questi giorni attraversa uno sciame di polveri di cometa, la Swift-Tuttle, che bruciano a contatto con l’a tmosfera terrestre lasciando per qualche istante una traccia incandescente nel cielo». A parlare della notte di San Lorenzo, uno dei fenomeni astronomici più amati, che ricorre il 10 agosto a ricordo delle lacrime versate dal martire sulla graticola nell’anno 258 e trasformate in stelle dalla fantasia popolare, è Fabio Peri, direttore del Civico Planetario di Milano, fisico ma anche pianista (diplomato al Conservatorio Verdi), concertista e compositore. In occasione dell’A nno Internazionale dell’Astronomia, il Planetario rimane eccezionalmente aperto tutta l’estate, e propone da oggi quattro incontri sulle “Stelle dei desideri”. Che cosa scopriremo al Planetario? «Due osservazioni, condotte da Mogi Vicentini, questa sera alle 18.30 e alle 21.30, danno utili consigli a chi potrà cercare a naso in su le stelle recandosi fuori Milano, lontano dalla luce artificiale dei lampioni e delle vetrine. Le altre due, tenute da Mauro Arpino martedì 11, riguardano la magia delle stelle e i miti legati ai grandi amori stellari».

san lorenzoScienza e romanticismo, dunque. «Il desiderio di vita e felicità ci fa vedere nelle costellazioni miti favolosi e storie romantiche: Leda e Zeus, dio ispiratore di diversi amori terrestri poi finiti in cielo, Andromeda e Perseo, Orfeo e Euridice, Callisto e l’Orsea…Gli astronomi sanno che oltre alle Perseidi, fenomeno d’agosto, nelle notti di novembre ‘piovono’ le Leonidi, che sembrano provenire da un punto della costellazione del Leone, e le Andromeidi da Andromeda; in seguito le Liridi, le Acquaridi e così via. Ma la notte dei desideri da realizzare, uno per ogni stella cadente che si riesce a vedere, rimane quella del 10 agosto, per via della stagione, più favorevole al relax e alle passeggiate all’aria aperta». Come sarà l’osservazione quest’anno? «Nessuno può prevedere con precisione quale di queste notti di mezza estate sarà la più ricca di stelle, né quale parte del cielo la più densa. Il periodo è tutto propizio, da oggi fino al 20 agosto e oltre: tutte giornate di passaggio di quelle che gli astronomi chiamano Perseidi perché, pur solcando l’intero cielo, il punto da cui sembrano provenire è la costellazione di Perseo. Ma la ‘pioggia’ di stelle è un fenomeno generalizzato. Se guardassimo il cielo tutte le notti dell’anno ne vedremmo cadere più di una al giorno; in questo periodo se ne possono vedere anche due al minuto. La Luna però, particolarmente luminosa in questa fase, non aiuta l’o sservazione: il suo chiarore riduce di parecchio il numero di ‘ lacrime’ visibili». Come attrezzarsi allora per osservarle al meglio? «Ai fortunati che trovano il cielo terso serve una coperta su cui sdraiarsi su un prato al buio, portando un binocolo. Montagne e colline lontane dai centri abitati sono le postazioni migliori. Non resta che attendere con pazienza, guardando l’intera volta celeste. Si può piazzare una macchina fotografica pronta allo scatto con il diaframma abbastanza chiuso per ridurre la luminosità di fondo». Lei quali luoghi di osservazione predilige? «Vado in montagna, in Valsesia, ai piedi del Rosa. Lunedì sera guiderò l’osservazione del cielo all’Oasi Zegna di Bielmonte, in provincia di Biella, che dalle 21 all’1 illuminerà i percorsi del Parco Avventura per consentire al pubblico di osservare il cielo sospeso tra carrucole, corde e scale sugli alberi. Il mio prossimo appuntamento al Planetario sarà il 27 agosto, quando presenterò un “ Viaggio sulla Luna”, tra musica, letteratura e scienza in compagnia dell’arpista Floraleda Sacchi e dell’attore Silvano Piccardi, complici le ‘Cosmicomiche’ di Calvino e il quarantesimo dello sbarco sulla Luna». fonte repubblica.it

logo-108x89123
Caro amico lettore,
questo è un progetto aperto e accetta la collaborazione di chiunque abbia voglia di far circolare positività…
Inviaci le tue proposte (articoli, vignette, foto e video divertenti) e troverai una porta aperta dove far circolare le tue idee…POSITIVE!
Sostieni e diffondi l’unico e-magazine dedicato alle buone notizie e sorrisi!

Scrivi a: buonenotizie@goodnews.ws
Inserisci sul tuo sito un link al nostro www.goodnews.ws

Share This Post