Le piu sexy? formose e con la pelle bianca!

simona sessa2

SIMONA SESSA VS. MODA MORTALE

Ritorna con noi Simona Sessa, la regina del pin up. Che accanto al suo indubbio e prorompente fascino ha messo in campo una serie di iniziative contro quelle che sembrano essere delle tendenze irrinunciabili. Trend, si dice, ma in realtà i dettami della moda non sono altro che delle coperture più o meno bieche per fare sempre più soldi con e sulle donne. Non parlo tanto dei vestiti, anche se basta il cervello di una gallina sottosviluppata per capire che non è che “quest’inverno va di moda il blu” così, per congiunzione astrale. E’ solo che ogni anno si deve cambiare colore, lunghezza della gonna o dei pantaloni, scollatura, tacco e via dicendo, per rinnovare il guardaroba e così spendere, spendere, spendere. Resistere, resistere, resistere, diceva Borrelli, anche se si riferiva ad altro. Ma la battaglia della Simona Sessa, la cui esistenza dimostra che si può essere belle e intelligenti al tempo stesso,  va in particolare contro due tendenze molto più maligne, proprio sulla pelle delle donne sarebbe il caso di dire. La prima, di cui abbiamo già parlato, riguarda la lotta di Simona contro l’anoressia in particolare, le donne (donne?) senza forme, dalle braccia e gambe scheletriche, costrette a diete vergognose per mantenere la taglia 38 su un metro e ottanta di altezza. Se ne vedono, soprattutto a Roma e a Milano, e fanno pena. Qualcuna muore, qualcuna va fuori di testa, il resto sarà malata per tutta la vita. La seconda battaglia è più recente e riguarda un tema più che di tendenza in questo periodo: l’abbronzatura. Diventare di color del bronzo, come dice la parola, non fa bene, invecchia la pelle e aumenta esponenzialmente il rischio di tumori, anche quelli contro cui non ci si può fare nulla. Lo sanno tutti, ma l’industria dell’abbronzatura non può fare a meno di creme e olii che da un lato ti spingono a colorarti e dall’altro ti dicono come proteggerti. Un’idiozia talmente palese, spingerti a fare qualcosa che non devi offrendoti però una protezione, che solo la pubblicità riesce a farne un business. Simona reagisce e spara sul mercato l’esatto contrario. Una crema contro l’abbronzatura, per una pelle che resti bianca, da non esporre al sole, una pelle dai risvolti perlacei. Una crema da aristocratici, se si vuole, forse io non me la metterò mai (bianco su bianco non sta bene), ma vivaddio, contro la moda del farsi del male. I particolari sul suo sito, e diamine dire che si tratta di www.womanshop.it chissenefrega, la causa è giusta, pubblicità!

Carlo A. Martigli


N.D.R.  “Le piu sexy? formose e con la pelle bianca!”, per pelle bianca intendiamo il colore naturale della pelle e senza togliere niente alle ragazze di colore che adoriamo e amiamo come tutte le altre donne…

logo-108x89123

Caro amico lettore,
questo è un progetto aperto e accetta la collaborazione di chiunque abbia voglia di far circolare positività…
Inviaci le tue proposte (articoli, vignette, foto e video divertenti) e troverai una porta aperta dove far circolare le tue idee…POSITIVE!
Sostieni e diffondi l’unico e-magazine dedicato alle buone notizie e sorrisi!

Scrivi a: buonenotizie@goodnews.ws
Inserisci sul tuo sito un link al nostro www.goodnews.ws

Share This Post