Domenica 31 maggio si celebra la Giornata nazionale del sollievo

Una giornata per informare e sensibilizzare gli operatori sanitari e i cittadini sull’importanza di promuovere la “cultura del sollievo” ed estendere la consapevolezza che il sollievo non è solo desiderabile, ma anche possibile. La Giornata del sollievo per la promozione delle cure palliative e, in particolare, della terapia del dolore, promossa dal Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche sociali, dalla Conferenza delle Regioni e dalla Fondazione nazionale Gigi Ghirotti.”In questa giornata – si legge in una nota del ministero che annuncia le iniziative legate all’evento – si afferma la centralità della persona malata e il suo diritto ad essere informata su quanto si può fare per controllare il dolore e la sofferenza attraverso le terapie più avanzate, ma anche l’importanza di considerare il malato nella sua interezza, ponendo attenzione a tutti bisogni, psichici, fisici, sociali e spirituali, in modo di creare la migliore qualità di vita per lui e per la sua famiglia. Il miglioramento dell’aspettativa di vita ha portato anche al nostro Paese un incremento dell’incidenza delle patologie croniche e del peso assistenziale delle fasce anziane e fragili della popolazione. In questo contesto l’attenzione per la qualità della vita diviene parte integrante e strutturale dei percorsi assistenziali, tanto quando si sarà costretti a convivere a lungo con una patologia cronica che quando restano pochi mesi di vita”.
Tra le iniziative del Ministero nell’ambito della terapia del dolore e delle cure palliative, nella nota si ricordano:
ß sono stati reperiti fondi appositi per le strutture di tipo hospice, che potranno rappresentare una base soprattutto per quelle Regioni che ancora oggi non dispongono di strutture di questo genere;

• è stata semplificata la prescrizione: i medicinali a base di codeina o ossicodone classificati in fascia A, cioè gratutita, a dosaggi limitati, utilizzati nella terapia del dolore possono essere prescritti con la normale ricetta SSN.

• È stata prevista la possibilità di prescrivere gli analgesici oppiacei per curare tutte le forme di dolore severo: dolore cronico nei malati di cancro, dolore post-traumatico, dolore neurologico, forti nevralgie, ecc. Essi sono forniti dal SSN quando sono classificati in fascia A.

• E stata prevista la possibilità di utilizzare i medicinali cannabinoidi per curare stati dolorosi o patologie neurologiche, come la sclerosi multipla. Si ricorda che tali medicinali devono essere importati dall’estero su richiesta del medico curante, previa domanda della farmacia ospedaliera o del servizio farmaceutico dell’ASL all’ufficio centrale stupefacenti del Ministero, perché attualmente non vi sono specialità medicinali autorizzate all’immissione in commercio in Italia.

ß Sono stati previsti, nell’ambito dei fondi destinati dall’Accordo Stato-Regioni del 25 marzo 2009 per la realizzazione degli obiettivi prioritari di Piano Sanitario Nazionale, 100 milioni di euro per la terapia del dolore e le cure palliative
ß E’ stato avviato, insieme ai rappresentanti dei medici di medicina generale, il progetto sperimentale di una rete assistenziale sul territorio per le cure palliative e la terapia del dolore.
Il progetto individua un modello organizzativo integrato nel territorio, nel quale il livello assistenziale viene scomposto in tre nodi complementari: i centri di riferimento di terapia del dolore (hub), l’ambulatorio di terapia antalgica (spoke) e l’Aggregazione Funzionale Territoriale (AFT) di Medici di Medicina Generale (MMG). Alla base del modello vi è dunque la creazione di una rete di AFT in grado di fornire una prima risposta concreta alle esigenze dei cittadini, fungendo da “triage” per i centri di terapia del dolore e per gli ambulatori di terapia antalgica.
Il progetto prevede, in via sperimentale nell’anno 2009, il coinvolgimento di quattro regioni pilota, Lazio, Emilia Romagna, Veneto e Sicilia, con il coordinamento della Regione Emilia Romagna.
Le principali iniziative della “Giornata del Sollievo”
La Fondazione Gigi Ghirotti ha realizzato diverse iniziative. Tra queste ricordiamo il Centro nazionale di Ascolto psico-sociale per i malati oncologici e i loro familiari, raggiungibile con il numero verde 800301510 e lo “studio sul vissuto del sollievo”, realizzato attraverso la distribuzione di una scheda di sensibilizzazione sulla “cultura del sollievo” ai pazienti ricoverati presso gli ospedali italiani.
La “Giornata del sollievo” si avvale anche quest’anno dell’opera di sensibilizzazione pubblica sul problema del dolore inutile svolta da Federfarma mediante l’affissione di locandine nelle oltre 16.000 farmacie italiane.
Le Amministrazioni pubbliche e le Associazioni di volontariato hanno promosso diverse iniziative a sostegno della persona sofferente e della sua dignità.
A Roma presso il Policlinico Agostino Gemelli, il 31 maggio, a partire dalle ore 9,00, si terrà una manifestazione alla quale parteciperanno il Sottosegretario di Stato alla salute On. Eugenia Roccella, il Presidente della Fondazione Ghirotti, Bruno Vespa, il Direttore del Policlinico Universitario “Agostino Gemelli” di Roma, Cesare Catananti, il Presidente di Federfarma, Annarosa Racca, il Sindaco di Roma, on. Gianni Alemanno, il Presidente della Regione Lazio, Piero Marrazzo, il Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Maria Stella Gelmini.
Per tutta la giornata medici e operatori sanitari del Policlinico Gemelli insieme a studenti e specializzandi della Facoltà di Medicina e chirurgia dell’Università Cattolica, volontari e degenti con i loro familiari, si alterneranno con personaggi pubblici nella hall dell’ospedale proponendo brani musicali e brevi testimonianze sulla cultura del sollievo dalla sofferenza fisica e morale.
Nel corso dell’evento saranno premiati gli alunni delle classi vincitrici del Concorso “Un ospedale con più sollievo”, patrocinato dai Ministeri dell’Istruzione, Università e Ricerca e del Lavoro, Salute e Politiche Sociali, al quale hanno partecipato istituti scolastici di 16 Regioni. Il concorso è riservato agli alunni della quinta classe della scuola primaria, della terza classe della scuola secondaria di primo grado e delle classi del primo biennio della scuola superiore.
Scopo del concorso è stato di sensibilizzare alunni, docenti e famiglie sul tema del Sollievo inteso non come la negazione definitiva del dolore fisico, ma piuttosto come sostegno sollecito ed amorevole nel dolore fisico, psicologico e spirituale al malato cronico e in evoluzione di malattia. fonte ilbisturi.it


Caro amico lettore,
questo è un progetto aperto e accetta la collaborazione di chiunque abbia voglia di far circolare positività…
Inviaci le tue proposte (articoli, vignette, foto e video divertenti) e troverai una porta aperta dove far circolare le tue idee…POSITIVE!
Sostieni e diffondi l’unico e-magazine dedicato alle buone notizie e sorrisi!

Scrivi a: buonenotizie@goodnews.ws
Inserisci sul tuo sito un link al nostro www.goodnews.ws

Share This Post