Uomo-scimmia, ecco anello mancante

Ida, 47 milioni di anni fa “Anello tra primati e mammiferi”
Il fossile di questo animale chiamato Adapide, scoperto nella cava Messel, in Germania, è stato presentato al Museo di Storia Naturale di New York come un passaggio fondamentale per comprendere gli sviluppi dell’evoluzione umana.
NEW YORK – Si chiama Ida e secondo gli scienziati è l’anello mancante tra i primati ed il resto dei mammiferi: un fossile di 47 milioni di anni scoperto nella cava Messel, in Germania, presentato oggi al Museo di Storia Naturale di New York come un passaggio fondamentale per comprendere gli sviluppi dell’evoluzione umana. E’ il primo scheletro intero al 95% mai trovato e sarebbe appartenente a un particolare tipo di animale chiamato Adapide, battezzato Darwinius masillae in onore del bicentenario della nascita di Charles Darwin. La notizia era stata anticipata nei giorni scorsi dal quotidiano inglese Daily Mail, così come la presenza di un documentario top secret prodotto dalla Bbc e presentato dal co-autore della ricerca David Attenborough.

Per capire l’importanza della scoperta basta pensare che i ricercatori hanno definito lo scheletro di Ida il corrispettivo della Stele di Rosetta per capire le prime fasi dell’evoluzione umana.

Ida, una giovane femmina, somigliava probabilmente a un lemure dei giorni nostri (il mammifero dalla lunga coda che vive in Madagascar) ed è considerato “il fossile di primate più completo mai ritrovato”. Ma il suo corpicino, delle dimensioni di una marmotta, ha caratteristiche che si riscontrano nella specie umana tra cui il pollice opponibile, unghie al posto degli artigli e, nelle zampe posteriori, elementi che lasciano intravedere il passaggio dall’andatura a quattro zampe alla camminatura eretta. Dell’animale è stato rinvenuto anche parte dello stomaco con i resti dell’ultimo pasto di frutta e di foglie.
Il primate viveva nel cosidetto periodo Eocene (che va da 55 ai 34 milioni di anni fa), un’epoca in cui i primati cominciarono a evolversi in due specie distinte: proscimmie e antropoidi. L’Adapide, la cui età stimata è di circa nove mesi, è stato scoperto da un cacciatore di fossili 25 anni fa nei pressi di Darmstadt in una cava che coincideva con il fondo di un lago vulcanico famoso per i resti dell’Eocene. Qui vennero rinvenuti anche un ‘Buxolestere’ (un incrocio tra una lontra e un toporagno) e un ‘Diacodexis’ (una sorta di coniglio antenato delle moderne capre).

Secondo Jorn Hurum dell’università di Oslo, che ha guidato lo studio, Ida è per i paleontologi quello che “l’arca perduta è per un archeologo”. Secondo lo scienziato il fossile è così importante che “sarà riprodotto sui libri di testo per i prossimi cento anni”. Molto più di un semplice fossile, intorno al quale la comunità scientifica aveva creato un clima di forte aspettativa, ma certamente il più completo fossile di primate mai trovato. fonte repubblica.it

Promuovi la tua attività Green con Good News, per un mondo più verde! Clicca qui: ECO partners

Sostieni l’unico e-magazine dedicato alle buone notizie, con una tua donazione ≈ un € x un sorriso
Redazione & Pubblicità Tel. 380 2664166 Scrivi a: goodnews@goodnews.ws

Futuro Verde: la Casa Ecologica con Bioedilizia e Energie Alternative

Come depurare l’acqua del rubinetto risparmiando soldi e guadagnando salute

Share This Post