Ho sentito che i soldi non fanno la felicità…figurati la miseria!

Finalmente una buona notizia: Il ministro Tremonti ha dichiarato pochi giorni fa alla trasmissione In Mezz’ora che “il rischio di un’apocalisse finanziaria si sta riducendo. In America nessuno più pensa a un fallimento globale, perchè sono intervenuti i governi e lo stesso nell’Est Europa e nell’Est asiatico. La paura di un crollo delle Borse e della finanza mi sembra finita e la gente ha tirato un respiro di sollievo perchè è finito l’incubo degli incubi” Emma Marcegaglia, presidente di Confindustria, ha aggiunto anche che forse da Luglio ci sarà una svolta positiva. Ha detto anche che sarebbe però opportuno “prolungare la cassa integrazione ordinaria quale strumento di supporto per mantenere comunque le persone in attività”. Anche questa è una buona notizia, soprattutto per gli industriali. Quando ci sono i profitti ce li teniamo, quando le cose non vanno bene meglio che paghi lo Stato. Riassumendo l’apocalisse non ci sarà più, meno male, ma quando aveva detto che ci sarebbe stata? Anzi, il Presidente del Consiglio Berlusconi qualche mese fa – il 10 Ottobre – aveva detto, in modo più o meno palese, di comprare azioni Eni, Enel e Mediaset. Meno male, e questa è un’altra buona notizia, che i risparmiatori lunedì 13 Ottobre non si sono precipitati agli sportelli bancari per comprare quelle azioni, perché, nonostante il rally degli ultimi due mesi da quella data le Eni sono scese da 15.47 a 14,51, le Enel da 5,4 a 3,7 e le Mediaset da 4,1 a 3,8. Chi avesse investito 10.000 euro oggi se ne ritroverebbe circa 8.462 con una perdita del 15% in soli sei mesi. Insomma tutto va per il meglio, con una sola nota stonata, che la cassa integrazione ordinaria non esiste per le aziende con meno di 15 dipendenti, che sono la struttura portante dell’industria italia. Ma la buona notizia è che come ha scritto Repubblica qualche giorno fa i manager licenziati stanno trovando nuovi lavori come istruttori di tennis o subacquei, riuscendo anche a vivere meglio, con maggiore soddisfazione di vita. I nostri operai licenziati potranno così finalmente fare i maestri di golf o di polo, oppure dedicarsi alle Mille Miglia. Vuoi mettere al posto di lavorare in officina?
Carlo A. Martigli per GoodNews

Caro amico lettore,
questo è un progetto aperto e accetta la collaborazione di chiunque abbia voglia di far circolare positività…
Inviaci le tue proposte (articoli, vignette, foto e video divertenti) e troverai una porta aperta dove far circolare le tue idee…POSITIVE!
Sostieni e diffondi l’unico e-magazine dedicato alle buone notizie e sorrisi!

Scrivi a: buonenotizie@goodnews.ws
Inserisci sul tuo sito un link al nostro www.goodnews.ws

Share This Post