Home » BioSalute

Il vino fa bene alla salute: gli egizi lo usavano come medicina già cinque mila anni fa

Inserito da

Secondo i ricercatori dell’Universita’ di Pennsylvania del Museo di Archeologia e Antropologia, già cinquemila anni fagli antichi egizi usavano il vino, arricchito con erbe e resine, con finalità mediche. Almeno questo è quanto affermato dalla Coldiretti che ha riportato i contenuti del rapporto del gruppo di ricerca guidato da Patrick E. McGovern e pubblicato negli ‘Atti dell’Accademia Nazionale di Scienze’. Questi dati risultano particolarmente interessanti per l’Italia che è il primo produttore mondiale di vino.

Gli effetti benefici per la salute che derivano dal consumo moderato di vino sono stati confermati da diversi studi scientifici. Negli Stati Uniti addirittura e’ stata data la possibilita’ di indicare sulle etichette del vino il contenuto di ‘resveratrolo’, un formidabile antiossidante con effetti positivi sull’apparato cardiovascolare.

Recenti studi medici hanno decretato che il consumo prolungato di vino provoca sostanziali cambiamenti strutturali relativamente ad alcuni componenti del sangue: i globuli rossi, le piastrine.E’ stato inoltre rilevato che altri fattori della coagulazione, provenienti dal sangue di soggetti abituati a bere, hanno una resistenza maggiore nei confronti di stimoli ossidativi rispetto alle cellule sanguigne degli astemi.

Un altro filone di ricerca e’ quello sulle proprieta’ anti- invecchiamento del vino; attraverso prove preliminari è stato dimostrato che nel vino si trovano delle componenti capaci di ritardare l’invecchiamento delle cellule.  fonte cittaweb

Caro amico lettore,
questo è un progetto aperto e accetta la collaborazione di chiunque abbia voglia di far circolare positività…
Inviaci le tue proposte (articoli, vignette, foto e video divertenti) e troverai una porta aperta dove far circolare le tue idee…POSITIVE!
Sostieni e diffondi l’unico e-magazine dedicato alle buone notizie e sorrisi!
Scrivi a: buonenotizie@goodnews.ws
Inserisci sul tuo sito un link al nostro www.goodnews.ws