Home » BioSalute

Al Meyer presto sarà attiva la ‘Camera bianca’

Inserito da

Nuove frontiere per la sanità. Il Meyer si prepara ad affrontare una nuova sfida nella lotta alla malattia. La ‘Camera bianca’ sarà finalmente attiva e permetterà di poter lavorare sulle staminali prodotti cellulari a scopo terapeutico
Nuove frontiere per la sanità. Il Meyer si prepara ad affrontare una nuova sfida nella lotta alla malattia. La ‘Camera bianca’ sarà finalmente attiva e permetterà di poter lavorare sulle staminali prodotti cellulari a scopo terapeutico per il trapianto di midollo per la cura di leucemie e tumori, nella medicina ricostruttiva per riprodurre tessuto osseo – cartilagineo, adiposo e nervoso, nelle terapie delle malattie metaboliche e neurologiche e nelle terapie di gravi malattie autoimmuni.
Franco Bambi, responsabile del servizio trasfusionale e terapie cellulari spiega l’importanza di tale struttura all’interno dell’ospedale pediatrico: ”Le procedure di accreditamento sono molto lunghe perchè veniamo considerati come una fabbrica farmaceutica, ma contiamo entro fine anno di aver terminato tutte le procedure”. Il laboratorio è composto da tre laboratori, un’area di quarantena, una di sterilizzazione e decontaminazione, aree filtro e aree di crioconservazione in contenitori di azoto liquido a meno 193 gradi.
In molti stanno sostenendo la Camera Bianca, tra loro i 15mila soci Unicoop Firenze e la Coop, che hanno donato 300mila euro con un assegno consegnato stamani dal presidente del consiglio di gestione di Unicoop Firenze Golfredo Biancalani al presidente della Fondazione Meyer e commissario del pediatrico Tommaso Langiano. Ieri mattina 35 presidenti delle sezioni Unicoop hanno voluto visitare la struttura guidati dal dottor Franco Bambi insieme all’assessore regionale alla salute Enrico Rossi, al commissario del Meyer Tommaso Langiano, al presidente del Consiglio di gestione Unicoop Firenze Goffredo Biancalani e al preside della facoltà di Medicina dell’Università di Firenze Gianfranco Gensini.
”I cittadini sanno che di fronte a un grosso problema la nostra sanità risponde e bene – ha commentato l’assessore Rossi alla consegna dell’assegno al Meyer da parte di Unicoop Firenze -. Ma iniziative del genere rendono i cittadini ancora più partecipi della loro sanità”. L’incontro è stata anche l’occasione per inaugurare in ludoteca la cabina di regina di ‘Meyermeo’, il progetto sperimentale per creare una tv e una radio per i piccoli pazienti del Meyer realizzato dagli studenti dell’Istituto d’arte di Firenze e coordinato dal regista Giovanni Micoli.
Nelle prossime settimane tutte le camere di degenza saranno fornite di stazioni multimediali, radio ethernet in ogni stanza e alcuni punti video nelle sale da gioco delle degenze e di oncoematologia. fonte lanazione

Caro amico lettore,
questo è un progetto aperto e accetta la collaborazione di chiunque abbia voglia di far circolare positività…
Inviaci le tue proposte (articoli, vignette, foto e video divertenti) e troverai una porta aperta dove far circolare le tue idee…POSITIVE!
Sostieni e diffondi l’unico e-magazine dedicato alle buone notizie e sorrisi!
Scrivi a: buonenotizie@goodnews.ws
Inserisci sul tuo sito un link al nostro www.goodnews.ws