Home » BioSalute

Il parto in casa è sicuro come quello in ospedale

Inserito da

Partorire in casa non comporterebbe maggiori rischi di un parto in ospedale. È questo il risultato del più ampio studio mai realizzato sul parto in casa e condotto dai ricercatori olandesi del TNO Institute (i Paesi Bassi vantano il più alto numero di nascite a casa). I risultati dell’indagine, condotta su 530.000 nascite, sono stati pubblicati sulla rivista scientifica BJOG e non hanno evidenziato alcuna differenza nel tasso di mortalità di mamma e bambino tra i due tipi di parti. La ricerca era partita dopo che nei Paesi Bassi si era registrato uno dei più alti tassi di mortalità neonatale di tutta l’Europa e gli studiosi avevano ipotizzato che la causa di questo dato fosse da ricercarsi proprio nella frequenza con la quale si partorisce in casa. Proprio per incoraggiare le donne a partorire in ospedale – perché considerato più sicuro – erano partite campagne di informazione e una donna su tre aveva cambiato idea e scelto di far nascere il bambino in ospedale. La ricerca condotta dal gruppo di Simone Buitendijk ha, invece, preso in esame decine di migliaia di nascite e ha concluso che non si registra alcuna differenza nel rischio di decesso per mamma o figlio tra i due tipi di parti. “Abbiamo concluso che il rischio di complicanze è praticamente lo stesso per una donna che inizia il travaglio in casa col supporto di un’ostetrica e per una che lo fa in ospedale sempre con un’ostetrica”, ha spiegato lo studioso olandese. I ricercatori hanno osservato che un terzo delle donne esaminate e che avevano iniziato il travaglio a casa avevano poi partorito in ospedale a causa di alcune complicanze come un anomalo battito cardiaco fetale o l’esigenza di un’epidurale per lenire il dolore, ma gli studiosi hanno concluso che si trattava di complicazioni che si sarebbero verificate ugualmente anche se il travaglio fosse avvenuto in ospedale. In Italia scelgono di partorire in casa circa 1500 donne. Uno dei motivi per i quali il numero è così esiguo è anche legato al costo; Circa tremila euro.  Fonte: paginemediche


Pubblicizza la tua attività Green con Good News, l’unione fa la forza! Clicca qui: ECO partners

Sostieni l’unico e-magazine dedicato alle buone notizie, con una tua donazione ≈ un € x un sorriso
Redazione & Pubblicità Tel. 380 2664166  Scrivi a:  goodnews@goodnews.ws

Futuro Verde: la Casa Ecologica con Bioedilizia e Energie Alternative

Come depurare l’acqua del rubinetto risparmiando soldi e guadagnando salute