Svezia, sì alle nozze omosessuali in chiesa

In accordo con la chiesa luterana si potrà scegliere liberamente tra rito civile o religioso

La notizia è marginale, in mezzo a tante altre odierne, ma, dopo il clamore suscitato dalle varie esternazioni papali, l’ho notata con un certo interesse perchè dimostra che un’altra chiesa è possibile. Anzi, esiste già.
Premetto che non sono luterana o simpatizzante luterana perché considero, in linea di massima, tutte le religioni ugualmente degne purché non vengano imposte e non vengano usate per prevaricare. Però, chapeau – o riprovazione, a seconda dei punti di vista per la chiesa luterana svedese che da maggio benedirà le unioni omosessuali. La notizia infatti è questa: entro poco più di un mese gli omosessuali svedesi potranno sposarsi, a scelta, in comune o in chiesa. Il Parlamento di Stoccolma ha adottato a larghissima maggioranza (261 sì, 22 no, 16 astenuti e 50 assenti) il testo che consentirà alle coppie omosessuali l’unione matrimoniale. È un passo avanti rispetto alla legge del 1995 che permetteva un partenariato che veniva ufficializzato con una cerimonia civile. La legge approvata oggi prevede esplicitamente la possibilità di scegliere per le unioni gay tra il rito civile o quello religioso nella chiesa luterana, che fino al 2000 è stata la Chiesa di Stato e che già dal 2007 proponeva una forma di benedizione delle unioni omosessuali.
Prima di celebrare le prime nozze gay in chiesa, però, si dovrà svolgere un sinodo previsto in ottobre. La Chiesa luterana ha fatto sapere di essere a favore del provvedimento, ma vuole mettere a punto i casi di obiezione di coscienza da parte dei singoli pastori, che potranno individualmente rifiutare di celebrare le nozze. In questo caso però sarà la Chiesa a dover individuare un celebrante in sostituzione.
Ecco forse è interessante chiarire un ultimo punto per chi immagina una simile decisione frutto di trinariciuti sovversivi: in Svezia governa una coalizione di centrodestra. Solo i democristiani si sono opposti all’uso della parola matrimonio per l’unione tra omosessuali. Gli altri tre partiti di governo nonchè l’opposizione socialdemocratica hanno detto sì.  Fonte stampa

Caro amico lettore,
questo è un progetto aperto e accetta la collaborazione di chiunque abbia voglia di far circolare positività…
Inviaci le tue proposte (articoli, vignette, foto e video divertenti) e troverai una porta aperta dove far circolare le tue idee…POSITIVE!
Sostieni e diffondi l’unico e-magazine dedicato alle buone notizie e sorrisi!
Scrivi a: buonenotizie@goodnews.ws
Inserisci sul tuo sito un link al nostro www.goodnews.ws

Share This Post