Il sadomaso avvicina la coppia

Bondage e frustini, così il sadomaso avvicina la coppia.
Misurati i livelli di cortisolo e testosterone durante due party ‘very hot’

Due studi americani svelano il potente effetto antistress del sesso estremo: sculaccioni e colpi di frusta sarebbero quindi la ricetta per rinsaldare i legami tra partner. Ma solo se il rapporto è consensuale e soddisfacente.
Altro che fiori e cenette a lume di candela. Il segreto delle coppie più salde sarebbe nascosto nell’alcova. Secondo due studi americani, infatti, la ricetta Doc prevede sesso estremo e attività sadomaso come bondage, sculaccioni e ben assestati colpi di frusta. Queste pratiche, infatti, hanno un potente effetto antistress e, secondo ben due studi americani, contribuiscono ad avvicinare i partner.
Le ricerche, pubblicate su ‘New Scientist’, non lasciano dubbi sui benefici del sadomaso più o meno soft. In particolare, Brad Sagarin della Northern Illinois University di DeKalb (Usa) e i suoi colleghi hanno misurato i livelli dell’ormone dello stress (cortisolo) in 13 uomini e donne che dovevano partecipare a un party sadomaso in Arizona. I test sono stati condotti prima, durante e dopo la festa. Ebbene, durante le scene bollenti i livelli di cortisolo salivano in modo significativo nei soggetti passivi (quelli che subivano lo stimolo doloroso), ma tornavano nella norma dopo 40 minuti se tutto andava bene, mentre non c’erano modificazioni di questo ormone nei soggetti attivi
In un’altra indagine, condotta nel corso di un evento sadomaso in Colorado, gli studiosi hanno misurato il testosterone in 45 uomini e donne, con il risultato che l’ormone aumentava significativamente nelle donne ‘passive’.
Un’impennata che, commenta Donatella Marazziti del dipartimento di Psichiatria, neurobiologia, farmacologia e biotecnologie dell’Università di Pisa, si spiega con il fatto che l’ormone può aiutare le donne a gestire meglio la natura aggressiva delle pratiche sadomaso. Non solo. Alla fine in entrambi gli studi le coppie soddisfatte della serata sono risultate anche più complici, unite e intime, come si legge sugli ‘Archives of Sexual Behaviour’.
Inoltre i due ormoni ‘impazziti’ nella fase di sesso estremo tornavano alla normalità una volta terminata la ’sessione’, ma questo accadeva solo nelle coppie che avevano gradito l’esperienza. “Ne possiamo dedurre – dice la Marazziti – che se il rapporto è consenziente non è stressante, anche se si tratta di sesso estremo. Sono studi interessanti pubblicati su una rivista importante – prosegue la ricercatrice italiana – ma certo non sorprendenti: è chiaro che chi cerca e pratica questo tipo di rapporti li gradisce. Dunque, non stupisce che in questo caso anche la complicità di coppia aumenti”

Quasi tutte le attività condivise fanno bene alle coppie e nutrono la complicità, secondo lo psicologo britannico Richard Wiseman dell’University of Hertfordshire. “Non è necessario frustare il proprio partner, ma potrebbe bastare una cosa semplice come cucinare insieme o fare i lavori di casa in due”, suggerisce.
Mentre per Nick Neave, psicologo dell’University of Northumbria (GB) i risultati sono interessanti, ma bisognerebbe capire se i partecipanti sono arrivati al culmine del piacere. L’orgasmo – spiega lo studioso – è associato a una riduzione dello stress e a un aumento degli ormoni associati alla complicità e all’affetto nei confronti del compagno. news from adnkronos

Caro amico lettore,
questo è un progetto aperto e accetta la collaborazione di chiunque abbia voglia di far circolare positività…
Inviaci le tue proposte (articoli, vignette, foto e video divertenti) e troverai una porta aperta dove far circolare le tue idee…POSITIVE!
Sostieni e diffondi l’unico e-magazine dedicato alle buone notizie e sorrisi!
Scrivi a: buonenotizie@goodnews.ws
Inserisci sul tuo sito un link al nostro www.goodnews.ws

Share This Post